immagine-preview

Nov 20, 2018

Moneyfarm acquisisce il robo-advisor Vaamo ed entra nel mercato tedesco

L’operazione si inserisce nella strategia di espansione internazionale di Moneyfarm e rappresenta per la società l’ingresso nel terzo mercato europeo dopo l’Italia (2012) e il Regno Unito (2015).

Non capita spesso di poter raccontare che un’azienda italiana compra una startup tedesca. E’ quello che è successo oggi con Moneyfarm che ha chiuso l’acquisizione di Vaamo il robo-advisor  pioniere tedesco della gestione patrimoniale digitale con base a Francoforte. L’operazione si inserisce nella strategia di espansione internazionale di Moneyfarm e rappresenta per la società l’ingresso nel terzo mercato europeo dopo l’Italia (2012) e il Regno Unito (2015).

L’acquisizione favorirà inoltre l’ulteriore ampliamento di prodotti e servizi B2C e il consolidamento del segmento B2B con l’offerta di soluzioni digitali a importanti istituti finanziari europei.

 

Leggi anche: 46 milioni per Moneyfarm, un round da record

 

Che cosa fa Vaamo

Vaamo, fondata nel 2013, è stata la prima società di consulenza finanziaria online in Germania ed è oggi tra i principali robo-advisor attivi nel paese. Con questa operazione Moneyfarm acquisisce il know-how commerciale e le skill del team Vaamo: elementi che contribuiranno allo sviluppo delle attività B2C per il mercato tedesco così come le competenze B2B che Vaamo si porta in dote grazie all’esperienza acquisita negli ultimi anni attraverso partnership con istituzioni finanziarie del calibro di N26 e 1822direkt, la sussidiaria online di una delle principali banche di investimento tedesche.

 

Un 2018 da record per Moneyfarm

Nata nel 2012, Moneyfarm è oggi una delle aziende innovative più finanziate in Italia e in Europa con una raccolta totale di oltre 70 milioni di euro. Proprio a maggio ha chiuso un round da record da 46 milioni di euro  guidato da Allianz Asset Management (lead investor), e sostenuto dal fondo di Venture Capital Endeavor Catalyst e dalla Fondazione di Sardegna. All’investimento hanno anche aderito United Ventures e Cabot Square Capital, dando seguito agli investimenti già effettuati in Moneyfarm nei precedenti round, rispettivamente nel 2012 e nel 2015.

 

Leggi anche: Moneyfarm come mai nessuna italiana. Round da 46 milioni guidato da Allianz | Intervista a Paolo Galvani

 

Con le tre sedi di Milano, Londra e Cagliari e un team di 90 professionisti, Moneyfarm gestisce il patrimonio di oltre 30.000 risparmiatori tra Italia e Regno Unito (su una base di oltre 200.000 utenti attivi) a un ritmo di crescita che nel 2017 ha visto la base clienti triplicare e nel 2018 le masse gestite crescere del 300%. Per il quarto anno consecutivo Moneyfarm è stata premiata Miglior Servizio di Consulenza Finanziaria Indipendente e per la prima volta Top nella categoria Robo Advisor dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza. La società ha recentemente annunciato una partnership con Banca Sella che ha sancito l’ampliamento del servizio anche al segmento B2B.

 

 

Un segmento che in Germania vale 4 miliardi di euro

I tedeschi sono tra i più grossi risparmiatori al mondo, con il 9% del reddito accantonato ogni anno (contro il 2,4% degli italiani e un risparmio lordo sul Pil del 28% (contro il 20% degli italiani). Oggi il segmento robo-advisory in Germania vale 4 miliardi di euro di AUM (+122% anno su anno) contro i 500 milioni di euro italiani (+146% anno su anno). Da qui al 2022 in Germania è prevista una crescita annuale del 57% (per toccare i 24 miliardi di euro di AUM) contro una ancor più buona stima di crescita annuale anche per l’Italia del 69% (4 miliardi di euro di AUM). A livello globale, nel 2018 il mercato principale rimane quello USA con un totale di asset investiti “digitalmente” pari a 283 miliardi di dollari.

 

Siamo l’unica società digitale di gestione del risparmio e una delle pochissime aziende del settore dei servizi in Italia che sta perseguendo la via dell’espansione continentale” – spiega Giovanni Daprà, Co-fondatore e AD di Moneyfarm – “e crediamo che questo ci darà nel medio-lungo termine un importante vantaggio competitivo. Vaamo si è rivelata uno scrigno di competenze preziose: Thomas e Oliver hanno guidato un team piccolo ma estremamente competente e hanno piantato radici molto profonde nel territorio tedesco di cui non potremo che beneficiare.”

 

Thomas Bloch, Co-fondatore di Vaamo, aggiunge: “Questa acquisizione segna una nuova fase di crescita per entrambi: unendo l’esperienza e la leadership europea di Moneyfarm alla solida presenza che abbiamo costruito nel mercato tedesco, potremo offrire una consulenza finanziaria ancora migliore ai nostri clienti e dare un’accelerata importante al nostro percorso di espansione pan-europea”.

 

Attualmente l’operazione è al vaglio dell’autorità di vigilanza tedesca BaFin.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter