Comprare una Tesla pagando in bitcoin. Da oggi è possibile
single.php

Ultimo aggiornamento il 24 Marzo 2021 alle 16:21

Comprare una Tesla pagando in bitcoin. Da oggi è possibile

Per ora soltanto negli Stati Uniti. Ma già quest'anno Elon Musk estenderà la soluzione anche all'estero

Come di consueto, Elon Musk usa Twitter per aggiornare follower e mondo intero sulle notizie che riguardano le sue aziende. Alcune ore fa l’amministratore delegato di Tesla ha comunicato che, da oggi, è possibile acquistare le sue elettriche pagando in bitcoin. La notizia, per quanto clamorosa, era già nell’aria da settimane, precisamente dal giorno in cui – era l’8 febbraio – l’azienda dell’automotive ha annunciato un investimento monstre da 1,5 miliardi di dollari nella criptovaluta coniata oltre dieci anni fa da Satoshi Nakamoto.

Leggi anche: Bitcoin: chi entra dopo Tesla? E cosa succederebbe?

Tesla e bitcoin: l’amore continua

Come ha spiegato Elon Musk l’azienda non convertirà quei pagamenti in dollari: tutte le entrate crypto andranno ad aumentare il numero di bitcoin che l’azienda ha già in pancia. Questo è un ulteriore segnale del fatto che il mondo delle criptovalute interessa sempre di più gli attori istituzionali, anche quelli quotati in Borsa. Al momento si potranno comprare le Tesla in questa modalità soltanto negli Stati Uniti, ma già quest’anno la possibilità sarà estesa anche per l’estero. Come si legge su Milano Finanza, la notizia ha scosso il mondo dell’automotive, con General Motors che ha confermato di aver ancora intenzione di valutare la possibilità di accettare pagamenti simili.

Leggi anche: Finanza, perché i Paperoni investono nei meme?

La notizia che riguarda Tesla è l’ennesima che, in questo 2021, tira la volata alla criptovaluta più famosa al mondo. Di recente bitcoin ha superato per la prima volta nella sua decennale storia il valore di 50mila dollari (mentre scriviamo è a 56mila dollari). L’amore tra Elon Musk e i bitcoin (e la finanza decentralizzata in generale) si è manifestato più volte nei mesi scorsi. Dal caso GameStop, acceso grazie a un retweet dell’imprenditore che ha fatto salire il titolo in Borsa, fino alle recenti vicende, è sempre più chiaro quanto il fondatore di SpaceX voglia operare su questo mercato. Se è vero che la criptovaluta in questione viene dipinta sempre di più come bene rifugio del futuro – un report di Citi ne parla addirittura come moneta al centro del commercio internazionale – d’altra parte le sue continue fluttuazioni lasciano scettici moltissimi altri attori istituzionali.

Leggi anche: Bitcoin, in futuro al centro del commercio internazionale. La previsione della banca Citi

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter