Joint Venture tra illimity e Fabrick dentro HYPE: obiettivo 3 milioni di clienti
single.php

Ultimo aggiornamento il 22 settembre 2020 alle 18:52

Joint Venture tra illimity e Fabrick in HYPE: obiettivo 3 milioni di clienti

L'operazione punta a sviluppare l'open banking venendo incontro ai bisogni quotidiani bancari e non

I Consigli di Amministrazione di illimity, Banca Sella Holding, Fabrick e HYPE hanno approvato l’accordo per l’ingresso di illimity in HYPE, dando così origine a una Joint Venture pariteticamente controllata da illimity e Fabrick (fino ad ora azionista al 100% di HYPE e a sua volta controllata da Banca Sella Holding S.p.A.). L’obiettivo dell’operazione industriale è incrementare le ambizioni del progetto e la contestuale accelerazione della crescita di HYPE, che già serve 1,3 milioni di clienti.

Joint Venture: i motivi dell’operazione

«Il mondo dei servizi finanziari digitali sta evolvendo velocemente – ha dichiarato Corrado Passera, AD di illimity – Tecnologia, user experience, economie di scala e, soprattutto, velocità nel raggiungerle, sono fattori cruciali di successo. Così come nel segmento delle banche dirette digitali, illimity ha fortemente innovato e continuerà a farlo allargando anche il suo campo d’azione, nel segmento degli operatori non bancari abbiamo colto con gran piacere l’opportunità di allearci al leader italiano per essere un operatore che diventi un vero benchmark di settore».

Leggi anche: L’open banking che diventa ecosistema: illimity accoglie MiMoto e Fitbit

Pietro Sella, Amministratore Delegato del gruppo Sella e Presidente di Fabrick, ha aggiunto: «Abbiamo sempre sostenuto e crediamo che l’Open Innovation e l’Open Banking siano la via tracciata per innovare i servizi finanziari, con questa operazione testimoniamo la capacità ed efficacia delle nuove regole del gioco con l’obbiettivo di realizzare con illimity la prima challenger bank italiana. La trasformazione digitale sta generando una forte discontinuità nel settore finanziario ed HYPE nasce in questo contesto e l’accordo che presentiamo oggi rappresenta una nuova tappa di un percorso straordinario di open innovation».

 

 

La Joint Venture è nata per cogliere le nuove opportunità del mercato dei servizi finanziari digitali e dell’Open banking, in cui sta emergendo un segmento di clientela – solo in Italia conta già oltre 2,5 milioni di clienti in rapida crescita – che non cerca una banca, ma soluzioni semplici e “leggere”, facili da usare, che rispondano in modo diverso ai propri bisogni finanziari. L’accordo prevede di far confluire in HYPE le nuove soluzioni di Open banking di illimity, per entrare anche nel segmento di mercato delle piattaforme digitali non-bancarie di servizi finanziari e di pagamento, e i servizi ad esse connessi, consentendo ad entrambi i partner di accelerare le proprie strategie e puntare a obiettivi ambiziosi.

 

 

Antonio Valitutti, CEO di HYPE, ha concluso: «Hype ha registrato una straordinaria crescita perché ha saputo cogliere i nuovi bisogni e ha avuto la libertà e capacità di fare ciò che serviva per rispondere con 3 un servizio innovativo. La cosa più interessante è che oltre a soddisfare i loro bisogni abbiamo guidato la nostra community di clienti verso un nuovo modo di intendere e utilizzare il banking».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter