DoveVivo: il round sale a 72 milioni | Smartmoney
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 29 luglio 2019 alle 17:00

DoveVivo: il round sale a 72 milioni

Dopo l'annuncio dell'investimento da parte di illimity, ora si completa la raccolta di capitali con un'altra corposa iniezione da 50 milioni

Solo poche settimane fa avevamo raccontato la storia di DoveVivo, e di come l’incontro con illimity aveva dato vita a un accordo molto particolare in cui la banca si era messa al fianco della startup per consentirle di crescere a livello nazionale e internazionale. Oggi ci sono altre buone notizie per l’impresa di Valerio Fonseca e William Maggio: altri 50 milioni di euro raccolti da una serie di investitori istituzionali, che uniti ai 22,5 milioni di credito ricevuti dalla nuova banca di Corrado Passera consentiranno di fare il salto definitivo nel mercato italiano ed estero.

 

50 milioni in equity

29 milioni di Tikehau Capital, gruppo quotato a Parigi, altri 7 milioni divisi tra ISA (Istituto Atesino di Sviluppo) e Seac Fin. Il resto, 12 milioni circa, ce l’ha messo la holding degli stessi fondatori (DV Holding) che mantengono così la guida dell’azienda (col 61%). Gli stessi dipendenti di DoveVivo hanno investito nell’iniziativa, con circa 500.000 euro. Tutti hanno creduto nelle prospettive europee di DoveVivo, che con questa ulteriore iniezione di liquidità punta a perseguire un piano industriale che la posizioni come punto di riferimento nel co-living di studenti e giovani lavoratori.

 

Sono tre le direttrici annunciate per garantire la crescita del fatturato, che dai 21 milioni del 2018 dovrà crescere fino a oltre 150 milioni di euro entro il 2023. Innanzi tutto un aumento degli assett immobiliari gestiti, abbinato allo sviluppo di verticali alternativi a quelli attuali (si parla di student housing), e ovviamente l’internazionalizzazione. Secondo quanto comunicato dalla startup, obiettivi centrabili grazie a un percorso fin qui completato che ha dimostrato la sostenibilità sia in termini di ricavi che di redditività del modello di business.

 

“Siamo orgogliosi di aver raccolto intorno al progetto un azionariato così importante, qualificato e sinergico che promuove un modello di impresa inclusiva nella quale io e William abbiamo sempre creduto – dice Valerio Fonseca, CEO di DoveVivo – Questa operazione è una pietra miliare nella costruzione di una DoveVivo Corporate: una realtà con una identità distintiva, un piano chiaro, un’organizzazione forte senza pari in Italia e in Europa nel proprio settore. La nostra ambizione è diventare la casa per una community di decine di migliaia di studenti e giovani professionisti accompagnandoli nella loro esperienza di vita in condivisione”.

 

Da parte loro, gli investitori coinvolti nell’operazione parlano di “società leader ad alta crescita e profittabilità, mercato di riferimento sostenuto da evidenti macro trend positivi, management team fenomenale e fortemente allineato” nel caso di Luca Bucelli (head of Tikehau Capital in Italia), mentre Ilaria Vescovi (presidente di ISA) sottolinea come DoveVivo costituisca una “società pioniera di un nuovo modello abitativo, che si pone in tal modo l’obiettivo di rendere sempre più efficiente e trasparente il mercato immobiliare, creando vantaggi sia per i proprietari degli immobili che per gli inquilini”.

Cosa fa DoveVivo

Un pubblico potenziale che supera 1,2 milione di clienti, tra studenti fuorisede e lavoratori pendolari. E poi ci sono gli immobili sfitti, che in Italia non mancano. Tra questi due si inserisce DoveVivo, che dal 2007 ha dato vita a una formula originale di co-living che permette di mettere a reddito con un rendimento di circa il 4-5% e garantisce il pagamento del canone di locazione anche in caso di insolvenza da parte degli inquilini. In più, DoveVivo si occupa anche della ristrutturazione se necessario: così da rendere l’immobile più appetibile per i potenziali inquilini.

A oggi DoveVivo gestisce oltre 950 immobili, 4.000 stanze affittate e dal 2007 ha dato alloggio a più di 4.000 inquilini tra Milano, Bologna, Roma, Torino e Como.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter