Utego la startup che aggrega i conti correnti chiude un finanziamento da 1 milione di euro | Smartmoney
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 9 luglio 2019 alle 14:19

Utego la startup che aggrega i conti correnti chiude un finanziamento da 1 milione di euro

Utego, startup italiana fintech, ha ottenuto oltre un milione di euro di finanziamenti, con 509 mila euro da 200Crowd e 540 mila euro da Invitalia

Circa 10 milioni di italiani, oggi, hanno più di un conto corrente che consultano online, accedendo a differenti piattaforme di internet o mobile banking. Risultato? Tanto tempo impiegato e tantissimi log in da fare e ricordare. Chi ha solo un conto invece, ha spesso anche un finanziamento, un mutuo o una carta con istituti diversi dalla propria banca. Altri accessi ad altre piattaforme.

Utego risolve questo problema grazie ad una piattaforma che aggrega tutte le posizioni finanziarie. L’idea è piaciuta agli investitori. La campagna avviata su 200Crowd è andata in poco tempo in overfunding.

Il progetto Utego ha dimostrato così di aver convinto sia un investitore strutturato come Invitalia, sia singoli privati interessati che seguono il circuito del crowdfunding.

 

Utego, accedi a tutti i tuoi conti

 La startup permette di avere a disposizione in un’unica applicazione gratuita, tutti i propri conti e carte. Consente di poter gestire le operazioni e controllare le proprie carte con un solo log in, senza dover accedere a differenti piattaforme di internet o mobile banking. Offre ai propri utenti di operare su più conti correnti a portata di un click. E’ possibile inoltre vedere le offerte degli intermediari presenti sul mercato e formare insieme ad altri utenti dei gruppi di acquisto attraverso i quali contrattare offerte, servizi e condizioni speciali attraverso il meccanismo delle aste.

Gli obiettivi che Utego si pone a breve, dopo il successo ottenuto dalla campagna di crowdfunding sono quelli di “essere operativi a fine settembre 2019 uscendo negli App Store sia Google che Apple, – afferma Stefano Musso, Ceo e co-founder di Utego – iniziando ad assumere delle figure e attraverso campagne pubblicitarie portarsi a casa utenti e possibili fruitori. Potenziare quindi il lato commerciale cercando di aumentare le partnership con le banche”.

L’app Utego si rivolgerà anche agli istituti finanziari, assicurativi e ad altre utilities (telco, energetics, pay tv, etc.). Questi soggetti potranno esporre i loro prodotti e servizi nel marketplace, partecipare attivamente alle aste, interagire con gli utenti di Utego e ricevere analisi di settore, informazioni aggregate sulle principali abitudini finanziarie e trend di sistema.

La sfida che la startup Utego vuole affrontare nei prossimi mesi è rivolgersi alla clientela dei piccoli e medi imprenditori italiani e attraverso “una formula di franchising originale al livello digitale vorremmo espanderci all’estero, fornendo tutti quelli che sono i big requirements, il logo e la formula e poi disporre di un player locale che sviluppa e porta avanti la formula”, continua Paolo Patruno, co-founder di Utego.

 

Utego, l’App che rivoluziona l’attuale user experience finanziaria

Utego non si limita ad aggregare diverse posizioni, ma permette anche di ricercare prodotti e servizi (finanziari, assicurativi, telefonici, di energia elettrica) su un market place dedicato, creare gruppi di acquisto e ricevere un’educazione finanziaria: “Utego è indipendente dagli istituti finanziari, e questo significa che può proporre offerte migliorative ai propri utenti, in totale trasparenza e senza spinte commerciali, e può assicurare loro la segregazione dei dati tra i molteplici Istituti aggregati, in modo che solo l’utente stesso possa avere una vista aggregata dei propri conti”, afferma Stefano Musso.

La ricerca consente agli utenti una rapida comparazione fra le diverse offerte, e quindi la possibilità di esprimere un giudizio: “Questo rende interessante la piattaforma anche agli occhi delle società che hanno un posizionamento di prezzo più alto, a fronte di una qualità erogata maggiore. Con il voto o rating, possono essere messi in risalto anche aspetti diversi dal puro costo”.

Le offerte presenti sulla piattaforma sono sempre aggiornate, perché al momento della ricerca Utego non restituisce i risultati presenti sul web, ma quelli che le stesse aziende inseriscono di volta in volta.

Utego permette agli iscritti di unirsi anche in gruppi di acquisto per ottenere condizioni contrattuali più favorevoli. Costituito il gruppo, Utego scatenerà l’asta, conclusa la quale l’azienda vincitrice riceverà i dati degli interessati per contattarli e concludere la trattativa: “Noi non ci sostituiamo all’azienda nel rapporto con il cliente. Inoltre, non gestiamo soldi, ma con l’asta ci limitiamo a sottoporre alle imprese i desiderata degli utenti”, chiarisce Musso.

Un altro servizio offerto è quello dell’educazione finanziaria, che fornisce diverse informazioni, per esempio sulle caratteristiche dei prodotti. Inoltre, per evitare di costruirsi una cattiva reputazione creditizia, è possibile ricevere consigli da parte di esperti sul modo di gestire al meglio le proprie risorse finanziarie.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter