immagine-preview

Mar 12, 2019

Ecco il Club dei Giocattoli, sbarca in Italia il “toy sharing”

Lanciato in fase sperimentale a Milano, Monza e Brianza, arriverà presto in tutta Italia. Ecco come funziona e i prezzi per abbonamento flat o scelta dei giochi à la carte

Camerette debordanti di giocattoli mai usati o ignorati da mesi? Le ultime, scintillanti novità del gioco comprate e dimenticate sotto il letto dopo pochi giorni di entusiasmo, capaci di generare un grande senso dello spreco in tanti genitori? E ancora, gli stimoli digitali – smartphone, console o tablet che siano – che sovrastano quelli tradizionali e rendono tutto automaticamente vecchio? A queste frustranti sensazioni cerca di dare una risposta Il Club dei Giocattoli.

Come funziona il “toy sharing”

Che cos’è? Si tratta della prima piattaforma online in Italia di “toy sharing”. Consente cioè di ordinare i migliori giocattoli, usarli e restituirli quando lo si desidera. Il progetto è nato dall’idea di due giovani mamme e imprenditrici, Milvia Bonvicino e Alessandra Garini, e il portale ha debuttato ufficialmente a Milano, Monza e Brianza in fase pilota. Per poi approdare nel tempo in tutta la penisola.

Il Club dei Giocattoli si rivolge a tutti i genitori che vogliano offrire stimoli ed esperienze sempre diverse ai propri figli nella fascia d’età 0-12 anni. Tutto senza dover acquistare un eccessivo numero di giocattoli, evitando inutili sprechi e, al contempo, educando i bambini a un atteggiamento consapevole secondo i valori dello scambio, della condivisione e della cura degli oggetti. Una bella scommessa, all’epoca di Fortnite e Clash Royale.

Le fondatrici

L’idea di dar vita a Il Club dei Giocattoli è nata dal nostro desiderio di sorprendere continuamente i nostri figli per accompagnarli nella crescita e stimolarne fantasia e abilità con giochi di qualità – spiegano Bonvicino e Garini – siamo molto attente all’educazione e vogliamo trasmettere ai nostri bambini valori come condivisione e sostenibilità, dicendo basta agli sprechi e alle camerette piene di giochi inutilizzati”.

Piuttosto inedita in Italia, la condivisione dei giocattoli si sta diffondendo da un po’ di tempo all’estero, dalla Nuova Zelanda agli Stati Uniti passando per alcuni Paesi asiatici ma anche in Germania e Gran Bretagna. Il Club dei Giocattoli, che da maggio fa parte di Speed MI Up, l’incubatore d’impresa di università Bocconi e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, proporrà due formule. 

Le formule: abbonamento o giocattoli à la carte

La prima è un abbonamento mensile (21,99 euro fino a tre giochi al mese) che consente di ricevere a casa un kit di giochi a sorpresa selezionati sulla base di un questionario, fascia di età e di interesse. La seconda sarà una scelta a catalogo da una library online per noleggiare i singoli giocattoli desiderati con tariffe ogni quindici giorni a partire da 4 euro. I giochi potranno essere restituiti, per fare nuove esperienze, oppure acquistati e tenuti. Ovviamente tutti i giocattoli vengono puntualmente controllati e igienizzati e la loro selezione e la scheda di accompagnamento è curata da due neuropsicologhe dell’età evolutiva che lavorano in team con il Club.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter