immagine-preview

Set 27, 2018

Conio accelera sulle transazioni in bitcoin

La nuova versione dell’app permette agli utenti di velocizzare le operazioni di trasferimento delle valute virtuali, scegliendo i tempi e le commissioni destinate ai miner risparmiando sulla commissione

“Nel 2018 in Italia parlare di bitcoin evoca ancora qualcosa di esoterico. In questo modo continuiamo a restare indietro rispetto al resto d’Europa, specialmente se ci confrontiamo con Francia e Polonia”. A parlare ai microfoni di StartupItalia! è Christian Miccoli, in precedenza Amministratore delegato di CheBanca! Gruppo Mediobanca, ora Co-Fondatore (assieme a Vincenzo Di Nicola) nonché Ceo della startup tutta italiana Conio, che aggiunge: “Proprio per questo abbiamo introdotto nella nostra app la funzione ‘accelera’, così da rendere semplice il prodotto per ampliarne la platea di riferimento”.

Leggi anche: Christian Miccoli: “Vi spiego come funziona Conio, l’app che punta tutto sui bitcoin”

“Quando si invia una somma in bitcoin, ora è possibile scegliere il tempo di ricezione”, illustra Marco Pesani, responsabile sul prodotto “Questo perché – continua – la Rete funziona tramite un meccanismo di aste: processa le operazioni in modo di dare precedenza agli importi maggiori in quanto, per logica, possono comportare commissioni maggiori”.

Fatta l’operazione, è possibile monitorare in ogni momento il tempo di riferimento perché la applicazione mostra le persone in coda davanti a noi e il tempo stimato residuo. L’utente può decidere se accelerare la transizione destinando maggiori risorse alla commissione. Ciò è possibile grazie all’algoritmo sviluppato da Conio, che permette, attraverso un processo di analisi delle operazioni in attesa, di ottenere la migliore commissione in base al rapporto costo/velocità più conveniente.

Leggi anche: Aumento di capitale per Conio. La startup della compravendita di bitcoin ottiene 3 milioni di dollari

“La nuova funzionalità – continua Pesani – può essere utilizzata dall’utente per una più veloce inclusione di tutte le transazioni effettuate fra un Portafoglio Bitcoin Conio e un altro esterno, con diverse modalità di applicazione”.

“In questo modo – gli fa eco Miccoli – si restituisce fisicità alla moneta virtuale, perché, a differenza di tanti altri Wallet, con Conio una volta effettuato il trasferimento di denaro non devi sperare che finisca tutto bene: in ogni momento puoi monitorare la situazione e avere tutte le informazioni sul tempo necessario al completamento dell’operazione. Il nostro scopo è infatti far sentire l’utente ‘dominus’ in tutti i frangenti della transazione delle somme che vuole spostare”.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter