VIDEO: Cosa pensano davvero del fintech 500 manager della finanza

Pwc ha chiesto 500 protagonisti del mondo della finanza (alcuni di loro già dentro il fintech) di predire come cambieranno i servizi finanziari entro i prossimi 5 anni I risultati in questa infografica animata

Il fintech sta cambiando i servizi finanziari? No, li sta rimodellando. Un business, quello del fintech, sul quale gireranno 150 miliardi.

Pwc, società internazionale di consulenza alle imprese, mostra in questa infografica animata i dati di un report realizzato intervistanto oltre 500 operatori di servizi finanziari e fintech. Di questi, l’83% pensano che i servizi finanziari potranno davvero finire “disrupted”, ovvero essere cambiati per sempre dai servizi disruptive propri del fintech. E primi tra tutti i settori destinati ad essere aggretidi dalla disruption entro il 2020 ci sono banche e assicurazioni.

Il 56% degli intervistati ritiene che un gran contributo alla disruption lo darà la tecnologia blockchain, ma il 57% di loro non sono sicuri, o comunque ritengono improbabile, di riuscire a farsi trovare preparati a rispondere a questo trend.

Le maggiori opportunità che vedono nel fintech gli operatori di servizi finanziari sono riduzione dei costi (73%), differenziazione (62%) e fidelizzazione della clientela (57%).

Potrebbe interessarti

10 trend globali per capire come sarà il Fintech quest’anno (e dove investire)

prediction-forecast

Sicurezza, social e mobile, le tre parole chiave del fintech nel 2016. A fare il boom saranno le startup con soluzioni per fare acquisti e trasferire denaro con sempre meno click dallo smartphone, senza alcun rischio, integrando i principali social network nel processo. Continua a leggere…»

 

In Germania stanno costruendo robot che provano dolore

Alcuni ricercatori dell’università di Hannover stanno sviluppando un sistema nervoso artificiale: un braccio robotico con dei sensori sulle dita potrà riconoscere i mutamenti al proprio stato e valutare eventuali danni

Winnow , su touchscreen controlli il cibo che finisce nei rifiuti (ed eviti sprechi)

La startup londinese ha già aiutato i ristoranti a evitare sprechi per 2 milioni di sterline. Grazie alla tecnologia gli operatori del food possono controllare gli avanzi e modificare le forniture