VIDEO: Cosa pensano davvero del fintech 500 manager della finanza

Pwc ha chiesto 500 protagonisti del mondo della finanza (alcuni di loro già dentro il fintech) di predire come cambieranno i servizi finanziari entro i prossimi 5 anni I risultati in questa infografica animata

Il fintech sta cambiando i servizi finanziari? No, li sta rimodellando. Un business, quello del fintech, sul quale gireranno 150 miliardi.

Pwc, società internazionale di consulenza alle imprese, mostra in questa infografica animata i dati di un report realizzato intervistanto oltre 500 operatori di servizi finanziari e fintech. Di questi, l’83% pensano che i servizi finanziari potranno davvero finire “disrupted”, ovvero essere cambiati per sempre dai servizi disruptive propri del fintech. E primi tra tutti i settori destinati ad essere aggretidi dalla disruption entro il 2020 ci sono banche e assicurazioni.

Il 56% degli intervistati ritiene che un gran contributo alla disruption lo darà la tecnologia blockchain, ma il 57% di loro non sono sicuri, o comunque ritengono improbabile, di riuscire a farsi trovare preparati a rispondere a questo trend.

Le maggiori opportunità che vedono nel fintech gli operatori di servizi finanziari sono riduzione dei costi (73%), differenziazione (62%) e fidelizzazione della clientela (57%).

Potrebbe interessarti

10 trend globali per capire come sarà il Fintech quest’anno (e dove investire)

prediction-forecast

Sicurezza, social e mobile, le tre parole chiave del fintech nel 2016. A fare il boom saranno le startup con soluzioni per fare acquisti e trasferire denaro con sempre meno click dallo smartphone, senza alcun rischio, integrando i principali social network nel processo. Continua a leggere…»

 

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli