VIDEO: Cosa pensano davvero del fintech 500 manager della finanza

Pwc ha chiesto 500 protagonisti del mondo della finanza (alcuni di loro già dentro il fintech) di predire come cambieranno i servizi finanziari entro i prossimi 5 anni I risultati in questa infografica animata

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/vO4dSngFDQE”]

Il fintech sta cambiando i servizi finanziari? No, li sta rimodellando. Un business, quello del fintech, sul quale gireranno 150 miliardi.

Pwc, società internazionale di consulenza alle imprese, mostra in questa infografica animata i dati di un report realizzato intervistanto oltre 500 operatori di servizi finanziari e fintech. Di questi, l’83% pensano che i servizi finanziari potranno davvero finire “disrupted”, ovvero essere cambiati per sempre dai servizi disruptive propri del fintech. E primi tra tutti i settori destinati ad essere aggretidi dalla disruption entro il 2020 ci sono banche e assicurazioni.

Il 56% degli intervistati ritiene che un gran contributo alla disruption lo darà la tecnologia blockchain, ma il 57% di loro non sono sicuri, o comunque ritengono improbabile, di riuscire a farsi trovare preparati a rispondere a questo trend.

Le maggiori opportunità che vedono nel fintech gli operatori di servizi finanziari sono riduzione dei costi (73%), differenziazione (62%) e fidelizzazione della clientela (57%).

Potrebbe interessarti

10 trend globali per capire come sarà il Fintech quest’anno (e dove investire)

prediction-forecast

Sicurezza, social e mobile, le tre parole chiave del fintech nel 2016. A fare il boom saranno le startup con soluzioni per fare acquisti e trasferire denaro con sempre meno click dallo smartphone, senza alcun rischio, integrando i principali social network nel processo. Continua a leggere…»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Spagna dice no al vino blu e multa la startup Gik

La bevanda, ottenuta con l’aggiunta di due pigmenti naturali, viene considerata una violazione alle regole del settore enologico. L’azienda ha deciso di cambiare leggermente la composizione del suo prodotto per aggirare il divieto di vendita