8 utilissime dritte di eBay per vendere (riciclare) i regali brutti

Bellissimo quel maglione, magari non vedi proprio l’ora di gettarlo nel caminetto. E che dire di quella borsa porta pc anni ’90, talmente ottibile che ti manca il coraggio di “riciclarla”? Invece puoi guadagnarci: rivendendoli. Come farlo lo spiega direttamente eBay

Hai scartato il regalo con gioia, ora ci sei apri la scatola, ma trovi qualcosa che ti delude, un maglione a rombi che non indosseresti mai, un gioiello che non porterebbe neanche tua nonna, o un orologio da muro con i colori della squadra per la quale sfortunatamente non fai il tifo. Ma niente paura, puoi sempre usare la Rete per rivendere questi oggetti e trasformare un brutto regalo in quattrini da spendere per comprare quello che magari davvero vuoi.

Boy and Girl Opening Chrismas Presents

Se ti è capitato di pensare a come rivendere regali sei davvero in buona compagnia: eBay svela che sono oltre 100mila i regali “non voluti” che vengono venduti sulla piattaforma ogni anno. Uno dei siti di e-commerce più conosciuti al mondo offre qualche utile consiglio per aiutarti a fare soldi con i regali brutti.

1. Fai un inventario dei regali brutti

eBay consiglia, innanzitutto, di immaginare cosa vuoi vendere per prima. A questo primo step ne segue un altro, utile soprattutto per chi ha avuto parecchi brutti regali. Fare cioè una sorta di inventario. Analizzare i prodotti ricevuti, verificarne le condizioni, nel caso di gadget capire se funzionano o meno. Dopodiché scrivere su un pezzo di carta una breve descrizione per ognuno e tutti i dettagli che ti è possibile rilevare: il brand, il colore, la misura.

Dovrai poi vendere per prima quello che conosci di più. Se sei un appassionato di hitech ti converrà iniziare dai gadget tecnologici che hai ricevuto. In questo caso scrivi una scheda tecnica con ogni tipo di dettaglio.

2. Vedi le inserzioni degli altri

Come sa un buon venditore prima di vedere qualsiasi cosa capisce come si muove la concorrenza. Ci sono liste di eBay molto famose e si può iniziare a studiarle per trarre la giusta (e dovuta) ispirazione. Per esempio, se ti interessa vendere una collana, vai nella sezione gioielli e cerca di capire come si comportano i migliori venditori. Di solito noterai che la differenza la fanno due elementi: la foto e una dettagliata descrizione del prodotto.

3. Fai attenzione a foto e keyword

Per vendere bene online la foto è tutto, o perlomeno quasi tutto. eBay offre una serie di strumenti utili per capire come postare delle buone foto sulla piattaforma. In genere le foto vanno realizzate da più angolazioni, usando una macchina fotografica di qualità o al limite un cellulare con la messa a fuoco automatica. Oltre alla foto ricorda alcune buone pratiche. Se vendi un vestito, stiralo prima di scattare l’immagine. Fai foto anche del packaging. eBay ti consente di pubblicare 12 immagini gratis e dovresti usarle tutte. Sbagliato copiare foto di altri anche se stai vendendo un prodotto super popolare. Fai sempre tu un primo scatto e poi linka a qualche altro sito che contiene più info sull’oggetto in questione.

4. Usa le keyword nei titoli

Una strategia che può farti gioco è quella di studiare quali sono le parole e le frasi più ricorrenti con cui una persona cerca un determinato oggetto sulla Rete. Serviti degli gli strumenti di Google  o altri siti come Seo Zoom (ti consente cinque ricerche al giorno gratis). Una volta effettuato questo lavoro di ricerca, usa le keyword che hai trovato nel titolo in cui descrivi l’oggetto. Questo “trucco” ti consentirà di far apparire il tuo prodotto in alto nei motori di ricerca, così da raggiungere un pubblico più vasto.

5. Descrivi bene ogni oggetto

Non fare la solita descrizione, ma impegnati per rendere il prodotto accattivante. Racconta anche qualche aneddoto personale. Spiega, per esempio, che lo hai ricevuto in regalo e non ne fai uso. Usa poi molti dettagli, spiega qual è il brand, il colore e la taglia. Nel caso tu stia vendendo creme per il corpo scrivi quali sono gli ingredienti che sono stati usati.

7. Scegli un formato per vendere e consegnare

Su eBay hai la possibilità di creare delle aste oppure vendere a prezzo fisso. Di solito le aste, che possono durare fino a 10 giorni, portano maggiori profitti. eBay consente di crearne fino a 100 gratis. Oltre a questo dovrai scegliere il corriere più adatto alle tue esigenze. Ricorda che più opzioni di consegna garantisci più aumenterai le tue chance di vendere l’oggetto. Specifica le modalità e i tempi della consegna.

8. L’importanza del payment e della vendita

eBay offre un’infinità di canali per vendere un oggetto, PayPal, Skrill, assegni, carte di credito, contanti. Se il tuo interesse è quello di essere pagato subito, allora scegli PayPal che è perfettamente integrato con eBay  e protegge i consumatori da eventuali frodi o pagamenti non autorizzati.

Poi c’è un ultimo aspetto da non sottovalutare: la componente umana della transazione. È qui che devi essere protagonista, come venditore devi mantenere i contatti con i compratori, rispondere alle loro curiosità e domande. Una volta venduto il bene chiama per chiedere se lo hanno ricevuto. Non dimenticare di lasciare un ricordo positivo perché ti aiuterà a vendere altri oggetti sulla piattaforma.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti