5 consigli per tornare in ufficio dopo le vacanze (e non morire di stress)

Tornare a casa un giorno prima, spostare meeting e cancellare email inutili, alcuni consigli per un primo giorno al lavoro senza stress

Il ritorno in ufficio dopo le vacanze può essere davvero un incubo. Invece di riprendere con un carico di energia e la voglia di iniziare nuovi progetti, vieni immerso in una marea di email e incontri, come se tutto il tuo anno di lavoro dovesse concentrarsi nel giorno del rientro. Ecco 5 consigli per evitare di imbattersi in questo scenario.

lavoro

1. Torna a casa un giorno prima 

Molti, per allargare al massimo le loro vacanze, rientrano a casa la domenica sera, ore prima di rientrare in ufficio. Ma questa è una cattiva abitudine. Meglio arrivare a casa il sabato, così da poter disfare le valigie, comprare qualcosa al supermercato e rilassarsi a casa, prima di tornare alla vita in ufficio.

2. Pianifica meeting e incontri nei giorni successivi

Molte persone rientrate a lavoro spingono subito sull’acceleratore e organizzano tutti gli incontri il primo giorno. Niente di più sbagliato. Meglio spostare i meeting nel giorno successivo in modo da prendersi del tempo per se stessi, sistemare le cose in ufficio, leggere le prime email e rispondere.

Google-Apps-Risposte-Predefinite

3. L’importanza della risposta automatica

“Sarò in vacanza nei prossimi giorni. Quanto torno vi contatterò”. Il consiglio è di inserire una risposta automatica per il periodo delle vacanze che spesso riduce drasticamente il numero delle email che vengono inviate e di conseguenza le richieste a cui rispondere nei primo giorno di lavoro. Altro consiglio, siate “brutalmente” onesti, con frasi del tipo “ho bisogno di vacanze” per far capire all’interlocutore che non sono gradite le sue email durante la pausa.

delete

4. Cancellate il cancellabile

Se la vostra casella postale è piena di richieste, potrete sempre rispondere solo a quelle più importanti e cancellare tutto quello che non sembra interessante. Dopotutto, sempre meglio che trascorrere l’intera giornata a rispondere a tutti.

teamwork

5. Fidati dei tuoi collaboratori

Bisogna uscire dalla mentalità di pensare che niente in azienda possa funzionare senza la nostra presenza. Va bene provare a essere indispensabili, ma è opportuno anche imparare a fidarsi dei propri collaboratori. Sapere che ci sono persone che possono svolgere degnamente il lavoro in tuo assenza, ti aiuterà ad abbassare lo stress e a essere più produttivo al rientro.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari