Fintech italiano d’esportazione: la Banca centrale islandese sceglie Sia (i creatori di Jiffy)

La tecnologia dell’azienda italiana Sia farà girare i pagamenti interbancari dell’isola dei geyser

La Banca Centrale d’Islanda (CBI) ha scelto SIA, società hi-tech europea leader nel settore dei servizi e delle infrastrutture di pagamento, per sviluppare il nuovo sistema Real-Time Gross Settlement (RTGS) e la nuova piattaforma di instant payments.

Tecnologia italiana per i pagamenti interbancari

Le infrastrutture tecnologiche sviluppate da SIA, che saranno operative nel 2018, sostituiranno le attuali soluzioni real-time della CBI operanti su mainframe e attive dal 2001. SIA si avvarrà di Perago, società controllata al 100% con sede a Pretoria (Sudafrica), specializzata in soluzioni per banche centrali.

La Banca Centrale d’Islanda gestisce tutti i pagamenti interbancari del paese. Nonostante la ridotta popolazione, registra significativi volumi giornalieri di transazioni che possono raggiungere un milione di pagamenti con picchi di 160.000 operazioni all’ora. Per tale motivo, CBI ha deciso di adottare un’infrastruttura più strategica, moderna ed economicamente vantaggiosa.

Gli instant payments di Sia

CBI beneficerà dell’efficace integrazione tra il sistema RTGS e le soluzioni Instant Payment e Payhub di Perago riuscendo così a differenziarsi dai modelli standard che tengono separati i pagamenti di alto e basso importo. Infatti, grazie all’implementazione di un nuovo modello basato su un sistema unico in grado di elaborare tutti i tipi di pagamento (Bank to Bank, Person-to-Person o Business-to-Business), tutte le transazioni vengono scambiate utilizzando un unico standard di messaggistica. Questo nuovo approccio posiziona CBI in prima linea nel percorso di evoluzione delle infrastrutture dei sistemi di pagamento.

Guðmundur Kr. Tómasson, Direttore Financial Market Infrastructure della Banca Centrale d’Islanda, ha affermato che la decisione di scegliere l’offerta di SIA è stata presa dopo un’attenta analisi: «Non vediamo l’ora di utilizzare i sistemi di SIA che ci consentiranno anche una più stretta cooperazione con le altre banche centrali dei Paesi nordici».

Altre 15 Banche centrali

«Siamo orgogliosi di aver siglato questo accordo con la Banca Centrale d’Islanda che conferma la nostra leadership come provider per le banche centrali dei Paesi nordici dopo Svezia, Norvegia e Danimarca – ha commentato Massimo Arrighetti, Amministratore Delegato di SIA. Con la Central Bank of Iceland è salito a 15 il numero di istituzioni centrali in Europa, Africa, Medio Oriente e Oceania che hanno deciso di utilizzare le tecnologie innovative di SIA per lo sviluppo delle loro infrastrutture di pagamento. Siamo inoltre soddisfatti della realizzazione di un sistema di instant payments che, per la prima volta, sarà gestito completamente da una banca centrale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito