MoneyFarm chiude un round record da 16milioni

MoneyFarm ha chiuso uno dei round di investimento più grossi in Italia, la fintech prende 16 milioni da United Venture e Cabot Square Capital. Ed è un’ottima notizia per l’Italia delle startup e del fintech

Money Farm chiude un round record per l’ecosistema delle startup e del fintech italiano. 16 milioni di euro, un aumento di capitale sottoscritto dal fondo Cabot Square Capital e da United Venture. Fondata nel 2011 da Paolo Galvani e Giovanni Daprà, Money Farm. L’operazione ha già ricevuto l’approvazione da parte di Banca d’Italia e dell’FCA (l’authority britannica). Si tratta del terzo round di investimento per la fintech milanese (dati CrunchBase), l’ultimo nel 2014 di 4 milioni di euro. E questo che servirà per fare il salto decisivo. Ed è il round più grosso del 2015 in Italia, superando di 6 milioni quello di Doveconviene e di 11 quello di Musement e du UALA

moneyfarm

I founder di MoneyFarm

MoneyFarm da anni è tra le realtà più interessanti del fintech italiano. I dati rilasciati dall’azienda raccontano di una crescita dei clienti del 20% al mese e ora l’obbiettivo della società è di diventare nei prossimi 5 anni «leader europeo dei servizi di Digital Wealth Management» continuando a unire tecnologia, innovazione ed esperienza nella del risparmio per offrire soluzioni d’investimento. Money Farm è una startup che permette di pianificare e gestire gli investimenti. Perché usarlo? «Perché permette di risparmiare fino al 50% rispetto agli intermediari tradizionali» aveva detto a StartupItalia! il founder Daprà.

Per capire il potenziale di questa startup, meglio citare un dato. Una recente ricerca di Citigroup ha stimato che entro il 2025 il Digital Wealth Management (gestione digitale di portafogli di investimento) arriverà ad amministrare oltre 5.000 miliardi di dollari di asset, garantendo ai propri clienti una gestione del patrimonio si spera più automatizzata e più efficiente. Il successo di questi servizi sta inoltre attirando l’attenzione dei maggiori venture capitalist internazionali.

A livello globale gli investimenti nelle startup FinTech sono triplicati tra il 2013 e il 2014, balzando da 4 a oltre 12 miliardi di dollari (+201% contro una crescita media del 63% degli altri investimenti a livello globale). L’Europa è la regione che ha registrato la crescita più consistente di investimenti (+215%) nel 2014.

Londra è la capitale europea delle startup FIntech. E che un fondo londinese abbia investito in una startup fintech italiana è una buona notizia. Per MoneyFarm, ovviamente, ma anche per l’ecosistema italiano. Per dirne una, James Clark, Partner di Cabot Square Capital, ha detto che «Il management di MoneyFarm ha la visione chiara di come utilizzare la tecnologia per cambiare radicalmente l’approccio degli investitori all’industria del risparmio gestito». Un pezzo di futuro dell’Europa del fintech passa da qui. Anche dall’Italia.

Ti potrebbe interessare anche

5,2 milioni di euro per i volantini digitali di DoveConviene

Finanziamento da 5,2 milioni per la piattaforma per trovare le offerte più vicine DoveConviene. I soldi verranno investiti nell’espansione internazionale.

Come dormire in hotel di lusso a 20 euro. L’idea di 3 italiani piace a Londra (e arrivano i primi 200K)

Bidtotrip è una piattaforma che offre vacanze in hotel top-level in giro per il mondo a prezzi stracciati. Il segreto? Un sistema di aste online. Gli ideatori sono 3 trentenni italiani, e la startup ha già racconto 200K in equity crowdfunding su Seedrs.

L’anno d’oro di Satispay, raccolti altri 3 milioni

La startup italiana dei pagamenti digitali chiude un round d’investimento milionario e punta ad arrivare a 60 dipendenti (tutti a tempo indeterminato) entro il 2016

Exit da 5,3 milioni di euro per Prestiamoci

La startup fintech italiana Prestiamoci viene acquistata dalla norvegese TrustBuddy, l’unica al mondo attiva nei prestiti fra utenti a essere quotata in Borsa

Fare business vero con i rifugiati: perché Soros investirà 500 milioni nelle loro startup

L’imprenditore di origine ungherese, fondatore delle Open Society Foundation, ha deciso di promuovere le idee di business di chi scappa da guerra e povertà. E stimola il settore privato a impegnarsi per dare loro accesso a tutti servizi e favorirne così l’autonomia nelle comunità che li ospitano