Scott Patterson (il Luke di “Un mamma per amica”) lancia il proprio marchio di caffè

L’attore (che ha interpretato il ruolo di Luke dal 2000 al 2007) ha detto che il nome del brand dovrebbe essere Scotty P’s Big Mug Coffee

I numerosi fan della serie “Una mamma per amica” conoscono perfettamente il locale di Luke e l’amore delle due protagoniste – le ragazze Gilmore –  per il caffè preparato dal personaggio interpretato da Scott Patterson. L’attore ha dichiarato in una recente intervista alla testata Wealthmanagement.com che sta per lanciare un proprio brand di caffè. Dalla finzione alla realtà, Patterson ha chiarito che il nome del brand dovrebbe essere Scotty P’s Big Mug Coffee, ma non ha rivelato ulteriori dettagli.n Patterson, che ha interpretato il ruolo di Luke dal 2000 al 2007, ha dichiarato di essere un gran bevitore di caffè anche nella vita reale e di essere nelle ultime fasi di preparazione per il lancio del proprio marchio. Il richiamo al personaggio di Luke era stato già utilizzato dall’azienda Urban tee Farm, che aveva creato una miscela di caffè dal nome “Luke’s diner”, e dalla Keurig che aveva lanciato una linea ispirata alla celebre serie tv.

L’anno scorso, per il revival trasmesso da Netflix, molti coffee shop statunitensi sono stati trasformati in “Luke’s diner”temporanei.  I commenti dei lettori dei quotidiani inglesi che hanno riportato la notizia  relativa al nuovo business di Patterson si dividono tra fan soddisfatti e utenti scettici, che si domandano quanto l’attore sia competente in materia. Ora, non resta che aspettare e sorseggiare la nuova miscela proposta da Patterson.  Ognuno, dopo, potrà dire la sua.

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti