Redazione

Apr 18, 2016

Impiegato perde il lavoro e si reinventa web editor. Ora guadagna 100 mila dollari l’anno

Danny Margulies, impiegato amministrativo, ha ricominciato da zero cercando su Google "come fare soldi scrivendo". Ora è uno dei freelance più noti in rete

Perde il lavoro, un impiego amministrativo che neanche amava. Nel 2012 la vita di Danny Margulies, americano, cambia completamente. Ha moglie e figli e non sa come ricollocarsi nel mondo del lavoro. Allora rispolvera una sua vecchia passione per la scrittura e inizia a una carriera da freelance. Oggi guadagna più di 100 mila dollari l’anno e aiuta gli altri a capire come imitare la sua storia.

dannyimage1originaljpg

Quando sei in difficoltà bussa alla porta di Google

Di solito quando hai un problema come aver perso un lavoro e non sapere come mandare avanti la tua famiglia, vai a sfogarti da un amico o un familiare. Nel caso di Danny il primo confidente che cerca si chiama Google. Come racconta lui stesso su Business Insider per disperazione fa una ricerca “Come fare soldi con la scrittura”. Ha in testa questo tarlo di mettersi a scrivere per campare e ne parla a sua moglie che non sembra essere molto d’accordo: «Quando gliel’ho detto era un pochino nervosa. Non ero più giovanissimo e ora mi ero messo in testa questa cosa della scrittura» racconta Danny.

La ricerca lo porta su Elance

Per chi non ricorda Elance era uno dei siti più importanti per trovare lavoro come freelance. “Era” perché si è poi fuso con il suo concorrente (oDesk) per dare vita a UpWork che oggi domina il mercato mondiale.

Prima di tornare al protagonista della storia vi sveliamo una piccola curiosità, dietro Elance c’è un italiano, si chiama Fabio Rosati, emigrato in Silicon Valley, che entra così nella vita dell’aspirante scrittore americano.

Danny inizia a cercare i primi lavori su Elance, non ha alcuna esperienza nel copy writing, ma il sito offre lavori anche a chi è alle prime armi: «Ho fatto un po’ di studio e ricerche e capito che non ce l’avrei fatta senza una strategia. Allora ne ho creata una in tre punti» spiega.

La strategia di Danny per diventare un ricco freelance

Nel sito cerca i lavori che non richiedono competenze tecniche particolari (per esempio evita di accettare scritti legali). Ed è la prima strategia. Nella seconda torna il suo amico Google, prima di consegnare un lavoro (come per esempio scrivere una email per promuovere un prodotto) cerca i migliori tutorial per farlo sul web. E ultima strategia prepara delle prove delle sue abilità per farsi dare il lavoro, cercando di avvicinarsi alle esigenze dei clienti: «Se l’azienda che commissionava lo scritto produceva caffè io le inviavo un testo sui benefici del tè verde».

200 mila dollari in 2 anni e mezzo

Con questa strategia inizia a fare i primi soldi (30 dollari l’ora per una email di promozione, 40 per scrivere una lettera di business e altri 40 per un post su un blog): «All’inizio erano i clienti che sceglievano quanto pagarmi, poi man mano con la crescita di esperienza e reputazione nella community, sono diventato più aggressivo e ho aumentato i costi da 75 fino a 125 dollari». I primi due anni e mezzo di lavoro portano nelle tasche dello scrittore 200 mila dollari e 83 clienti: «Scrivo per 4 ore al giorno, il resto del tempo lo passo per altre attività come la ricerca di nuovi clienti, le fatture e attività di customer care».

1_year_earnings_screenshot

«Vi spiego come imitare la mia storia»

La storia di Danny è stata di ispirazione per molti americani. Lo scrittore ha sfruttato la sua popolarità, ha aperto un blog ed è diventato un blogger molto seguito tanto che giornali di business celebri come Business Insider fanno a gara ad assicurarsi i suoi interventi: «Chi inizia una carriera come freelance vive un periodo di ansia e instabilità, è successo anche a me. Quindi è normale avere titubanze all’inizio. Ma le opportunità ci sono per ripartire. Come fare? Parti in piccolo, inizia da lavori semplici e costruisciti da questa una reputazione per quelli più complessi. Se ci sono riuscito io senza nessun titolo universitario, network ed esperienze di lavoro precedenti, può farcela chiunque».