Fare una startup fintech a Milano, poi tornare dove tutto ebbe inizio, a Palermo (e dare lavoro lì)

A metà tra una piattaforma eCommerce e una community di acquirenti e commercianti, la startup fintech Papém usa i beacon per portare le persone a spendere (in digitale) nei negozi più vicini

Dopo il lancio del business a Milano, la startup Papèm ha aperto un ufficio a Palermo, dove sono nati e cresciuti i 3 fondatori. Dopo quasi 9 anni di studio e lavoro tra Milano, Londra e Berlino, il team di Papèm Alberto Lo Bue, Roberto Pirrone e Alberto Lipari ha deciso di riportare il business in Sicilia.

papem-screen

Quella che è nata come una discussione in un bar tra amici che, vivendo in città diverse, non si vedevano troppo spesso, si è trasformata, nell’arco di un paio di mesi, in un progetto solido che digitalizza i pagamenti nei negozi fisici. Già adesso operativa in due città, Milano e Palermo, l’app conta più di 15.000 utenti attivi ogni mese. La tecnologia è semplice e si basa sul sistema beacon.

Come funziona Papèm

L’app permette di confrontare prezzi e prodotti dei negozi vicini, scoprirne di nuovi e seguire i preferiti per tenersi sempre aggiornato sulle nuove offerte. Quando l’utente trova qualcosa che gli piace, blocca il prezzo e l’offerta sarà riservata esclusivamente a lui per 24 ore.  L’utente, a questo punto va in negozio, mostra l’app con il prezzo bloccato e prova il prodotto. Se non lo convince può scegliere un’altra taglia o un altro colore e usufruire comunque dello sconto Papèm. Il merchant ne guadagna in termini di tracking e di dati. Sa esattamente chi è entrato nel suo negozio per fare quel determinato acquisto.

Visto che non capita spesso di imbattersi in esperienze di successo nel campo del fintech al Sud, abbiamo fatto giusto tre domande, una mini-intervista, al Ceo della startup, Alberto Lo Bue.

papem-team

Alberto, fare startup è meglio o peggio che lavorare in una grande azienda? E perché?
«Mi riempie di gioia e orgoglio portare un piccolo valore aggiunto nella nostra terra, e siamo convinti che la vera cultura Siciliana sia quella del duro lavoro. Hai la soddisfazione di vedere crescere un tuo progetto, senza mai fermarti. Papèm all’inizio contava un team di 4 persone. Oggi ci lavorano un totale di 14 persone e sono previste nuove assunzioni per implementare una strategia di espansione e sviluppo prodotto in maniera rapida ed efficace».

Qual è a tuo avviso l’ostacolo più grande per l’ecosistema startup italiano?
«La burocrazia e l’alto livello di tassazione che abbiamo in Italia non aiutano. Aprire una Ltd è molto più semplice e meno costoso di una srl innovativa e assumere talenti ha un costo aziendale enorme e difficile da sostenere per una startup italiana. Così come il reperimento di risorse finanziarie. Tuttavia, siamo speranzosi e vogliosi di dimostrare che si può fare impresa nel nostro Paese, e in una città come Palermo che certamente merita di più».

Ci sono dei consigli da dare, secondo te, a chi vuole fare startup in Italia?
«Consiglierei di non lasciare mai nulla al caso. Tanto lavoro e tanto studio, agire per priorità e non perdere mail il focus sull’obiettivo. Sembra tutto facile all’inizio, poi però bisogna affrontare situazioni difficili e critiche senza mai perdersi d’animo. Sono felicissimo che io e il mio team stiamo crescendo senza sosta, e abbiamo iniziato di recente un round di assunzioni a Palermo. Non c’è cosa più bella che guardarsi indietro e vedere che non hai fatto qualcosa di banale».

 

Emanuela Perinetti
@manuperinetti

Ti potrebbe interessare anche

Paola, l’avvocato passata dalle aziende che fallivano alle startup fintech: «Sto pivotando»

Paola Di Rosa è un caso più unico che raro, in Sicilia. Ha iniziato seguendo i processi fallimentari, poi diventa consulente d’impresa e oggi è tra i pionieri (generosissimi) del fintech nell’isola

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it