La startup di due ex banchieri che fa gestire più conti insieme (facendoti guadagnare), Insignis

Erano manager a Merril Lynch, ma hanno lasciato il posto per darsi al fintech. Con Insignis, la startup che ti fa aprire conti diversi in più banche per avere ritorni migliori

Due ex manager britannici di Merril Lynch mollano la banca per aprire una fintech che aiuta le aziende, chi ha grossi patrimoni e le organizzazioni benefiche a depositare i soldi su un “hub” di conti diversi forniti dal gruppo Barclays. I vantaggi? Via alle scocciature nella gestione di più depositi e migliori ritorni. Lanciata quattro mesi fa la startup, dal nome Insignis, ha già in gestione 60 milioni di sterline.

insignis cofounder

100 mila sterline per entrare

Non è una fintech per tutti quella pensata da Paul Richards e Giles Hustons. Il primo ha lasciato un ruolo manageriale Merril Lynch nel 2014, mentre Hustons ha esperienze precedenti a Morgan Stanley e successivamente a Merril Lynch.

Insignis non è una soluzione per tutti. Il deposito minimo per accedere ai suoi servizi è di 100 mila sterline. I due hanno lavorato al progetto per 15 mesi e 10 banche ne sono entrate a far parte, tra cui alcune delle maggiore “High Street Banks”, anche se finora per ragioni commerciali non hanno divulgato i nomi.

Come funziona

FinancialIT spiega i benefit del servizio. Secondo il sito Insignis è la soluzione ideale per chi non vuole la frustrazione di aprire e gestire più conti di deposito. Diversifica gli investimenti, può scegliere tra più soluzioni di prodotti per fare investimenti più proficui, il cliente effettua tutte le principali operazioni (controllo, deposito, richieste di prelievo) online. E infine i soldi non lasciano mai il sistema bancario britannico, protetti dall’authority FSCS (che offre 75 mila sterline di “protezione” per ogni persona per ognuna delle banche autorizzate a far parte del sistema.

Insignis richiede ai clienti una fee che va dallo 0,10 allo 0,30%. Richards spiega a Business Insider quali sono i “problemi” dei clienti che la startup punta a risolvere: «Circa 9 milioni di persone posseggono fondi di liquidità (titolo di stato o obbligazioni con una durata breve e un rischio minore, ndr) tra 50mila sterline e 5 milioni. Il problema? I bassi tassi di interesse e il lavoro tedioso di muovere i soldi tra più conti. Ora le cose sono cambiate. Insignis fornisce un modo per risparmiatori e investitori di depositare e spostare soldi tra conti diversi, al fine di ottenere i tassi di interesse migliori e aumentare i loro ritorni».

Leggi anche: 5 lezioni dal manager di successo che molla tutto per darsi alle startup. E fallisce

Non è la prima startup in Europa

Insignis non è l’unica rete che consente agli utenti di muovere i loro soldi tra conti diversi. Un precedente di successo è Raisin che offre una soluzione simile ma con collaborazioni in più banche in Europa. La startup con base a Berlino ha raccolto più di 30 milioni di euro. La startup gestisce più di 1 miliardo di depositi, 35 mila utenti, e ha partnership con 15 banche in 12 Paesi: «Il nostro è il primo marketplace paneuropeo per le startup. Permette alle persone di tanti Paesi europei (30 oggi, ndr) di depositare i loro soldi in banche di altre nazioni con tassi di interesse più alti. Il modello crea un meccanismo di competizione tra banche che è vincente per i consumatori, che vedono gli interessi crescere, e per gli istituti finanziari con le offerte migliori che vedranno aumentare i loro depositi» spiega il Ceo a TechCrunch.

Un Commento a “La startup di due ex banchieri che fa gestire più conti insieme (facendoti guadagnare), Insignis”

  1. +++ AmazingDomains.CO +++

    a
    parte PayPal (che è nato molto prima) il fintech non ha nessun futuro
    perché le banche hanno centomila volte più soldi delle startups e sono
    in grado di copiare (come già stanno facendo) tutte le loro innovazioni
    non appena hanno troppo successo, quelli che pensano di “battere le
    banche” sono degli illusi e falliranno tutti, questa è l’atroce verità

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup