Ecco la prima guida delle startup Fintech italiane

Scarica gratuitamente l’ebook con tutte le startup Fintech italiane realizzato da SmartMoney

Con l’Atlante delle startup Fintech vogliamo far succedere quello che è accaduto con SmartMoney: abbiamo iniziato poco più di un anno fa, quando il settore era ancora tutto da scoprire. Abbiamo raccontato le storie delle giovani realtà più interessanti e abbiamo tenuto il ritmo di un cambiamento che sta travolgendo gli attori tradizionali, interessatisi non a caso persino a Bitcoin, e facendo entrare in campo società (già) pronte a giocare un ruolo da protagonista, vedi Apple.

Con il GrandPrix abbiamo toccato con mano la vitalità dell’ecosistema italiano. E premiato 4 delle startup più promettenti. Adesso è il momento di fare il passo successivo: creare una comunità che abbia nel dialogo fra le parti la sua forza e si incontri una volta al mese per parlare di sfide, risultati raggiunti e obiettivi condivisi.

Come l’anno scorso siamo partiti da un foglio bianco e, cominciando dalle partecipanti al GrandPrix e dal registro delle startup innovative, abbiamo realizzato questo Atlante del Fintech italiano. È un prodotto fatto e finito con 78 aziende censite, ma allo stesso tempo un lavoro in fieri che vuole diventare, ancora una volta, punto di riferimento dell’evoluzione del settore.

Per scaricarlo gratuitamente bisogna cliccare sull’immagine sottostante.

Clicca per scaricare l'Atlante fintech 2015

Un Commento a “Ecco la prima guida delle startup Fintech italiane”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era