Tutti i numeri del Fintech italiano in un’infografica

107 startup e più di 7 milioni di euro investiti: il Fintech italiano raccontato in un’infografica realizzata da SmartMoney

finance-cece-exit-600X400

107 startup e più di 7 milioni di euro investiti: il 2014 è stato un anno importante per il Fintech anche in Italia. Come racconta l’infografica basata sul database di SmartMoney, ad andare per la maggiore sono le giovani imprese di crowdfunding: il 45% del totale.

Storie di successo come quella di Musicraiser, che ha rastrellato 350mila euro lo scorso maggio, e di DeRev, su cui Digital Magics ha puntato 300mila euro, lo confermano. E ancora, spostandosi verso il social lending, non si può non citare la exit da 5,3 milioni di euro di Prestiamoci.

Seguono i servizi bancari, 16% delle startup, fra le quali la finalista del GrandPrix Nexsun. Nel settore di pagamenti, quello del mobile Pos (qui tutti quelli attivi in Italia) di Jusp finanziato con 4 milioni di euro, si muove il 12% delle realtà censite.

L’e-commerce coinvolge ancora solo il 9%, percentuale coerente con gli ultimi dati Istat che evidenziano come la metà degli italiani non abbia mai provato ad acquistare online. Il potenziale è altissimo e il 2015 sarà un anno chiave per chi guarda al riferimento nostrano per eccellenza Yoox o a realtà come Fesal.com.

Il 4% delle startup sta lavorando alla sicurezza. Due esempi sono Cryptolab e Unfraud.

Poco meno della metà delle società, il 47%, compare nel registro delle startup innovative. Percentuale simile, 45%, quella relativa a quelle che hanno già ricevuto un finanziamento. Impietoso il dato sulla presenza di donne: sono solo il 9% dei fondatori.

info_fin1

Infografica di Chiara Trombetta

Leggi anche:
I 10 eventi Fintech da non perdere nel 2015
Un 2014 magico per il Fintech. Ma il prossimo anno ci sarà il boom definitivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup