Tutti i numeri del Fintech italiano in un’infografica

107 startup e più di 7 milioni di euro investiti: il Fintech italiano raccontato in un’infografica realizzata da SmartMoney

finance-cece-exit-600X400

107 startup e più di 7 milioni di euro investiti: il 2014 è stato un anno importante per il Fintech anche in Italia. Come racconta l’infografica basata sul database di SmartMoney, ad andare per la maggiore sono le giovani imprese di crowdfunding: il 45% del totale.

Storie di successo come quella di Musicraiser, che ha rastrellato 350mila euro lo scorso maggio, e di DeRev, su cui Digital Magics ha puntato 300mila euro, lo confermano. E ancora, spostandosi verso il social lending, non si può non citare la exit da 5,3 milioni di euro di Prestiamoci.

Seguono i servizi bancari, 16% delle startup, fra le quali la finalista del GrandPrix Nexsun. Nel settore di pagamenti, quello del mobile Pos (qui tutti quelli attivi in Italia) di Jusp finanziato con 4 milioni di euro, si muove il 12% delle realtà censite.

L’e-commerce coinvolge ancora solo il 9%, percentuale coerente con gli ultimi dati Istat che evidenziano come la metà degli italiani non abbia mai provato ad acquistare online. Il potenziale è altissimo e il 2015 sarà un anno chiave per chi guarda al riferimento nostrano per eccellenza Yoox o a realtà come Fesal.com.

Il 4% delle startup sta lavorando alla sicurezza. Due esempi sono Cryptolab e Unfraud.

Poco meno della metà delle società, il 47%, compare nel registro delle startup innovative. Percentuale simile, 45%, quella relativa a quelle che hanno già ricevuto un finanziamento. Impietoso il dato sulla presenza di donne: sono solo il 9% dei fondatori.

info_fin1

Infografica di Chiara Trombetta

Leggi anche:
I 10 eventi Fintech da non perdere nel 2015
Un 2014 magico per il Fintech. Ma il prossimo anno ci sarà il boom definitivo

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger