500mila euro per la startup fintech italiana Growish

La startup italiana Growish ha ottenuto un aumento di capitale da 500mila euro.

Schermata 2014-05-07 alle 10.30.31

(Comunicato stampa)

Un gruppo di importanti business angel ha sottoscritto un aumento di capitale di 500.000 euro in Growish (ne abbiamo parlato qui): la startup fintech innovativa incubata da Digital Magics che offre il primo servizio in Italia di collective payment per raccogliere denaro tra amici sul web e acquistare un regalo.

Gli investitori, che hanno aderito al round, hanno una comprovata esperienza e un importante track record della digital economy italiana e internazionale e sono: Anna Siccardi, Nader Sabbaghian, Antonino Pisana e Alessandro Rivetti.

Anche il Fondatore Claudio Cubito ha incrementato il proprio investimento in questo round.

Digital Magics, incubatore certificato di startup innovative quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), ha affiancato e continuerà a supportare Growish – startup del suo portfolio – nelle successive fasi di sviluppo. Alla conclusione dell’aumento di capitale Digital Magics deterrà il 43% del capitale sociale della società.

Il Digital Magics Angel Network è una rete di oltre 100 operatori privati, fondi istituzionali e partner industriali che supportano Digital Magics per la selezione, la mentorship e il co-investimento delle idee proposte e delle startup in corso di sviluppo e già sviluppate dall’incubatore.

Grazie alle nuove risorse, Growish punterà sulla crescita della società lanciando attività di marketing e rafforzando il proprio posizionamento sul mercato italiano – anche attraverso importanti partnership – esvilupperà l’applicazione mobile per smartphone e Tablet.

Growish potenzierà il team della startup con l’ingresso di nuovi componenti: due sviluppatori, un responsabile commerciale e un digital marketing specialist, che andranno ad aggiungersi a Claudio Cubito (47 anni, co-founder e Ceo), ex ad di una multinazionale chimica e fondatore della filiale italiana di EMP l’e-commerce rock numero 1 in Europa, Domingo Sarmiento Lupo (27 anni, co-founder e Cto), ingegnere venezuelano esperto in digital management e Alessandro Martello (43 anni, strategic marketing & sales), contract professor in brand management all’Università Cattolica ed ex marketing director & innovation manager di Henkel.

Growish permette ad amici, parenti e colleghi – che vivono in città, regioni e nazioni diverse – di condividere la spesa di un regalo di gruppo, versando ognuno la propria quota con un semplice click e in maniera sicura, grazie alla piattaforma tecnologica e di pagamento sviluppata. Creata la colletta, è possibile invitare altre persone tramite Facebook o via e-mail. Raggiunto l’importo desiderato, si può trasferire il denaro su un conto corrente bancario o acquistare giftcard e cofanetti regalo di aziende partner. Molti e-commerce stanno integrando il bottone “Paga con Growish” nei loro siti: in questo modo gli utenti potranno aprire una colletta per il prodotto desiderato, e raccolto l’importo totale, il regalo sarà spedito direttamente a casa.

Claudio Cubito, co-founder e Ceo di Growish, ha dichiarato: “Ringrazio Digital Magics e i nuovi investitori che hanno creduto fortemente in questo modello di business: in Europa e negli Stati Uniti ha già molto successo. Growish ha l’obiettivo di combinare due trend che si stanno sviluppando molto rapidamente anche in Italia – i pagamenti digitali e la sharing economy – e risolvere un problema molto diffuso nella vita reale, che crea complicazioni, stress e perdita di tempo: la raccolta di denaro fra persone per acquistare prodotti o servizi di gruppo. Con Growish tutto questo è possibile in maniera trasparente, semplice e sicura e con pochi click!”.

Enrico Gasperini, fondatore e presidente di Digital Magics, dichiara: “Siamo estremamente soddisfatti che un gruppo di business angel così esperti in campo digitale abbia deciso di investire in una nostra startup. Il ‘Digital Magics Angel Network’ continua a crescere sia in termini di operatori qualificati sia in termini di investimenti nel nostro portfolio: supportando lo sviluppo delle neoimprese digitali ad alto valore tecnologico. Abbiamo sostenuto Growish fin dall’inizio, fondando la società insieme a Claudio Cubito, per la business idea e il servizio finanziario innovativo che propone: il FinTech è uno di quei settori su cui ci stiamo specializzando per i tassi di crescita e per il contributo di valore aggiunto che porta alle imprese e a gli utenti”.

Gli italiani e lo stress da colletta 
La colletta tradizionale è una fonte significativa di stress per gli italiani: infatti il 36,7% degli italiani ha dichiarato di aver avuto problemi per il mancato versamento della quota concordata da parte degli altri partecipanti  e addirittura 2 italiani su 3 (68,9%) hanno lamentato ritardi nel pagamento. Sono i dati che emergono da un’indagine di giugno 2014 realizzata da un prestigioso istituto di ricerca presieduto dal Prof. Beniamino Stumpo.

Intervistando un campione rappresentativo di italiani pari a circa 25 milioni di persone tra i 20 e i 50 anni, è emerso che l’84,7% degli italiani ha partecipato ad almeno una colletta per acquistare un prodotto o un servizio negli ultimi 12 mesi (di cui il 52,3% donne e il 47,7% uomini). Il 72,6% più 3 volte, il 36,8% addirittura più di 6 volte, mentre il 27,4% solo una o due volte.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari