Ecco le 4 startup vincitrici del GrandPrix fintech

Borsadelcredito, Cryptodeer, Modefinance e Wolf of trading si sono aggiudicati il GrandPrix fintech assegnato oggi durante SmartMoney.

Schermata 2014-10-01 alle 16.54.25

Un portale per la ricerca del credito per le piccole e medie imprese, una criptomoneta tutta italiana alternativa a Bitcoin, un sistema di misurazione della stabilità economica delle aziende e una piattaforma di trading. Ecco le idee delle 4 startup vincitrici del GrandPrix fintech organizzato da CheBanca!, Politecnico di Milano e StartupItalia!.

I 100mila euro complessivi (e l’anno di incubazione nel PoliHub), 25mila per ogni startup, sono stati assegnati al termine dell’evento SmartMoney che avuto luogo questo pomeriggio a Roma. Alla competizione si sono iscritte 69 startup. Le 14 finaliste hanno partecipato in giugno a una settimana di formazione.

Ecco le 4 startup vincitrici:

BorsadelCredito.it di Alessandro Andreozzi. Si tratta di un portale di ricerca del credito destinato alle piccole medie imprese. Qui la nostra intervista.

Cryptodeer di Matteo Assinnata vuole creare un ecosistema attorno a Tetracoin, valuta digitale sviluppata internamente e basata su Bitcoin. Qui la nostra intervista.

ModeFinance – s-peek di Mattia Ciprian è un’applicazione mobile, fruibile anche via desktop, per accedere a dati, report e valutazione del rischio finanziario di qualsiasi realtà. Qui la nostra intervista.

Wolf of trading di Davide La Spina è una piattaforma che supporta gli investitori istituzionali nel trading, mettendo a loro disposizione informazioni operative ricavate dalle performance di migliaia di trader. Qui la nostra intervista.

3 Commenti a “Ecco le 4 startup vincitrici del GrandPrix fintech”

Trackbacks/Pingbacks

  1.  Ferrari (CheBanca!): Bene il fintech italiano, ora più capitali esteri
  2.  Sistemi di moneta stabile | rodomonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup