Con Indabox non bisogna più aspettare il corriere: gli acquisti online li ritiri nel bar vicino a casa

La startup italiana Indabox che permette di ritirare i propri acquisti online in una rete di 650 fra bar e punti vendita Carrefour. I co-fondatori vogliono arrivare a quota 1.000 entro fine anno e sognano l’exit delle exit con Amazon.

Schermata 2014-07-09 alle 16.26.46

Una startup funziona quando risolve un problema. Sul fatto che Indabox abbia centrato il punto, a prescindere da come andrà il suo promettente percorso, non ci sono dubbi: mette a disposizione degli utenti una serie di luoghi in cui farsi recapitare gli oggetti acquistati online.

Quante volte vi è capitato di perdervi la visita del corriere, perdendo magari il bene acquistato? O, in quante occasioni avete rinunciato a comprare sui siti di e-commerce per l’impossibilità di organizzare la spedizione? Ecco, la piemontese Indabox fondata da Giovanni Riviera, Michele Calvo e Mariano Abbona ha deciso di trasformare i bar in una rete di appoggio a cui fare riferimento.

Il funzionamento è semplice: una volta acquistato il bene e indicato come indirizzo di spedizione il punto di ritiro di Indabox più comodo per le proprie esigenze non si deve fare altro che, attraverso il sito della startup, comunicare il bar la data del ritiro. All’utente il servizio costa 3 euro, di cui 1,5 vanno al bar e 1,5 alla startup. “Attualmente abbiamo 650 punti di ritiro disponibili sulla piattaforma, puntiamo a raggiungere quota 1.000 entro fine anno”, spiega a SmartMoney Riviera, classe 1980 e con un passato nel marketing di Seat Pagine Gialle. Sta contribuendo in modo sempre più consistente un accordo con Carrefour: “Abbiamo iniziato su Milano con 15 punti e dopo i buoni risultati ottenuti siamo passati a 40”, prosegue Riviera. Per la catena francese di supermercati si tratta del secondo accordo con una startup nostrana dopo quello siglato con RisparmioSuper (ne abbiamo parlato qui); una sensibilità che le fa onore. Tornando a Indabox, da circa un mese c’è anche la possibilità per chi gestisce un sito di e-commerce di integrare la soluzione all’interno della sua piattaforma. In questo modo l’utente organizza il ritiro particolare direttamente dalla pagina in cui sta completando l’acquisto, “nel giro di dieci minuti”. Sono già stati realizzati dei software per integrare Indabox i siti che girano su Prestashop e Magento.

L’idea della startup fin-tech piemontese è buona e sta procedendo in modo soddisfacente: lo dimostrano la decisione di lavorarci a tempo pieno di Riviera e Calvo, che si avvalgono per ora di un solo collaboratore per la gestione dei rapporti con i bar, e il supporto economico ottenuto dal Club degli investitori di Torino, 65mila euro in prima battuta e 350mila quanto la ruota ha iniziato a girare. “Contiamo di raggiungere il pareggio nel 2016”, afferma Riviera.


foto_indabox
Giovanni Riviera, Michele Calvo e Mariano Abbona, co-fondatori di Indabox

All’orizzonte c’è una solo nuvola, che potrebbe però trasformarsi in un’opportunità. Amazon sta facendo qualcosa di molto simile a Londra, sfruttando gli armadietti della metropolitana. “Certo, quando arrivano loro spazzano via tutto”, ammette Riviera, “ma l’esempio della francese Kiala acquistata del 2012 da Ups ci fa ben sperare”. Isomma, l’idea di una exit, che si tratti di Seattle o di un altro colosso del settore, non lo spaventa e quella di continuare a fare “qualcosa che mi diverte e mi sta dando una soddisfazione costante” lo stimola altrettanto. Altro che nuvole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito