Ecco le 14 startup finaliste del GrandPrix di CheBanca! In palio 100mila euro

Sono le startup fin-tech che parteciperanno alla fase finale del GrandPrix di CheBanca!. In palio ci sono 25mila euro per ogni startup e un anno di incubazione al PoliHub.

10432298_10152243812507800_1979666992_n

Adesso comincia la parte divertente. Sono state selezionate le 14 startup fin-tech che parteciperanno alla fase finale del GrandPrix di CheBanca!. Quattordici idee, progetti e spunti che vogliono rivoluzionare il settore finanziario e dei pagamenti. Alcuni già strutturati  e altri che stanno nascendo proprio sotto il cappello della competizione. E che dal 16 al 20 giugno verranno seguiti da docenti, investitori e imprenditori di successo per capire come muovere i primi e decisi passi. Per le quattro più meritevoli ci sono in palio 25mila euro e un anno nell’incubatore PoliHub del Politecnico di Milano. Ecco, di seguito, le startup selezionate.

1. Nexsun di Tullio Favretto. La startup è attiva nella messa in sicurezza dell’operatività bancaria tradizionale via Web e nello sviluppo di una efficace user experience per l’operatività via mobile. Ha ideato il sistema Hotp per creare un ambiente di sviluppo sul quale realizzare applicazioni mobili sicure per il mercato finanziario e bancario.

2. CheckBonus di Pierluigi Casolari. Si tratta di un’applicazione che fa le veci delle carte fedeltà e dialoga con i totem iBeacon presenti nei punti vendita fisici (ne avevamo parlato qui).

3. Rabbiz di Nicola Sanitate. Rabbiz è un’applicazione Web in cloud che offre un sevizio di fatturazione online e un sistema di emissione programmata per gestire la fatturazione di servizi periodici.

4. Funding Wonder di Daniele Bruttini. La startup fondata nel 2013 e con sede a Miami, in Florida, ruota attorno a una social lending community per mettere in contatto le piccole imprese e gli investitori.

5. Crenway – BorsadelCredito.it di Alessandro Andreozzi. Si tratta di un portale di ricerca del credito destinato alle piccole medie imprese.

6. modeFinance – s-peek di Mattia Ciprian è un’applicazione mobile, fruibile anche via desktop, per accedere a dati, report e valutazione del rischio finanziario di qualsiasi realtà.

7. Aliena – C3P di Alice Moroni. Farci pagare sfruttando la tecnologia Nfc ma senza doverci preoccupare di smartphone, Sim o microSD: ecco l’obiettivo dell’applicazione Android collegata a qualsiasi carta di credito.

8. OpenHedgeFund di Alberto Sfolcini si rivolge a investitori o studenti con una serie di strumenti per testare idee di investimento e tenere traccia dei risultati.

9. Wolf of trading di Davide La Spina è una piattaforma che supporta gli investitori istituzionali nel trading, mettendo a loro disposizione informazioni operative ricavate dalle performance di migliaia di trader.

10. Unfraud di Andrea Puzo nasce per difendere gli utenti dalle transazioni fraudolente sui portali di commercio elettronico.

11. CryptoCoin Solutions di Robert Laurence Westmore vuole creare un ecosistema attorno a Tetracoin, valuta digitale sviluppata internamente e basata su Bitcoin.

12. Fattura24 di Carlo Camusso è un software per la fatturazione online e in mobilità che aiuta a gestire le fatture, monitorare le spese e tenere sotto controlla lo stato di salute del business.

13. Cryptolab di Massimo Bertaccini si occupa di ricerca e sviluppo nella crittografia e nella cyber-sicurezza con attenzione particolare all’home banking.

14. Sinba di Andrea Visconti è un’applicazione pensata per ridurre il tempo di attesa in cassa all’interno dei punti vendita dando la possibilità di effettuare i pagamenti tramite il proprio smartphone (ne abbiamo parlato qui).

 

 

Exit per ProfumeriaWeb, che vale 6 milioni. L’annuncio di Digital Magics

Digital Magics aveva investito sull’eCommerce di ProfumeriaWeb un anno e mezzo fa: da allora la startup, il cui controllo da oggi passa alla società semplice Free Bird, ha quasi quadruplicato i ricavi e il numero di clienti

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli