Acquistare online dividendo il conto con i propri amici: ci pensa l’italiana Squeezol

L’idea è semplice, semplicissima. Come lo è ricetta per il successo, della sua startup, dell’ingegnere informatico Federico Di Benedetto: “Abbiamo visto progetti analoghi ottenere ottimi riscontri all’estero e siamo sicuri che lo stesso accadrà in Italia”. Il riferimento è alla britannica Shareagift o alla francese Leetchi e il settore è quello della raccolta di soldi… Read more »

Schermata 2014-03-18 alle 08.50.39

L’idea è semplice, semplicissima. Come lo è ricetta per il successo, della sua startup, dell’ingegnere informatico Federico Di Benedetto: “Abbiamo visto progetti analoghi ottenere ottimi riscontri all’estero e siamo sicuri che lo stesso accadrà in Italia”.

Il riferimento è alla britannica Shareagift o alla francese Leetchi e il settore è quello della raccolta di soldi online. La classica colletta. Squeezol è nata in agosto su iniziativa di Federico, classe 1986; di Davide Costa, giovane sviluppatore con un passato in Silicon Valley; e del programmatore Fabio Fiori e sta crescendo nell’incubatore TreataBit del Politecnico di Torino. Con i 18mila euro ottenuti da un finanziamento della Regione Piemonte è partita un’avventura che prosegue con un’iniezione pre-seed, di cui Federico non vuole svelare l’importo, che sarà sufficiente per arrivare a fine anno. Il sito è già online ma sarà attivo a fine mese. Come funziona? Ci si registra e si crea un evento a cui invitare le persone tramite e-mail o Facebook, “più avanti aggiungeremo anche Whatsapp”, spiega il co-fondatore e Ceo della startup.

unnamed-1Federico Di Benedetto

Gli utenti chiamati a partecipare alla raccolta di soldi per fare un regalo a un amico o acquistare i biglietti per un concerto hanno un determinato lasso di tempo per aderire o meno e mettere mano al conto PayPal. Anche chi ha organizzato la colletta deve essere dotato del sistema di pagamento di eBay. “Usiamo i parallel payments di PayPal: viene subito effettuata la transazione e se l’operazione non va a buon fine i partecipanti vengono rimborsati”, precisa Di Benedetto. La domanda a cui i ragazzi di Squeezol proveranno a rispondere effettivamente esiste: si pensi, ad esempio, a Uber, che ha aggiunto in corsa la possibilità di condividere il conto all’interno dell’applicazione.

La funzione più interessante è quella dedicata ai portali di e-commerce. Oltre a proporsi come piattaforma a se stante, Squeezol mette le sue API a disposizione degli altri siti. Vicino a tradizionali sistemi di pagamento, potrà quindi comparire anche il pulsante della startup con cui ogni utente potrà cominciare a organizzare una transazione collettiva. In questo caso oltre a PayPal si possono sfruttare tutti gli altri circuiti disponibili. In entrambi i casi il modello di business si basa sulle commissioni applicate a quanto raccolto. “Alla colletta tra privati aggiungeremo solo un centesimo simbolico alle commissioni di PayPal; ci serve più che altro per visibilità. Il grosso, l’80%, vogliamo ottenerlo dai rapporti con i partner a cui applicheremo una commissione di circa il 6% più un fisso mensile di 150 euro”, dichiara il Ceo.

Per le startup fin-tech italiane c’è la possibilità fino al 21 maggio di iscriversi al GrandPrix. Qui tutte le informazioni.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi