Donadon si prende l’8% della startup Sinba con 80K

La startup del torinese Visconti riparte. Con i 100 mila euro di H-Farm Sinba spera di andare finalmente sul mercato dopo 2 anni di stallo

Si erano fatti conoscere al grande pubblico lo scorso maggio, partecipando all’edizione italiana di Shark Tank e chiudendo un accordo con Gianluca Dettori, che aveva offerto 250K per il 25% di equity. Sinba, la startup di Andrea Visconti e Alessandro Bava era già operativa da 1 anno, ma avevano bisogno di un’iniezione di liquidità per completare lo sviluppo e andare sul mercato. Con cosa? Con un’app che consente di acquistare direttamente in negozio la merce scansionando il codice a barre, pagarla tramite smartphone (carta di credito, bancomat o bonifico) e ritirare in cassa lo scontrino).

sinba-donadon

Sinba trova casa a Roncade

Al talk di Italia 1 era seguita una due diligence, che è scaduta da alcune settimane. Accordo che probabilmente non si rinnoverà, anche perché nonostante questo fosse ancora in corso la startup dei 2 giovani torinesi nel frattempo per 4 mesi si è fatta accelerare all’H-Camp di Riccardo Donadon, a Roncade.

Oggi Sinba comunica di aver chiuso un round da 100K con H-Farm (per l’8%) e un business angel (per il 2%) che però «preferisce rimanere anonimo», dice Visconti, che abbiamo raggiunto telefonicamente, e che ha scherzato: «Nulla di oscuro, eh!». Insomma, numeri alla mano la startup è stata valutata 1 milione dagli investitori.

Il papà come primo investitore

Il primo finanziatore di Sinba era stato il padre di Visconti, che a gennaio 2014 ci ha messo i primi (e unici) 15 mila euro: «Inizialmente – ci racconta Andrea – voleva darmeli senza che li restituissi, come un anticipo di eredità, ma io gli ho detto che cercavo un socio, e 2 anni dopo gli sto restituendo una plusvalenza».
A dire il vero 2 anni fa sarebbero dovuti arrivare degli investitori internazionali, Visconti e Bava ne erano convinti, al punto che avevano anche annunciato come «vicinissima» la firma. Ma non sono arrivati neanche quelli.

Cash 50K gli altri in servizi (per 5 anni)

Dei 100 mila euro investiti da H-Farm e dal business angel, la metà sono in servizi (tra i quali un accordo che azzera le commissioni di PayPal fino a 1 milione di euro di transato), che la società di Donadon metterà a disposizione della startup per 5 anni. Cash solo 50 mila euro, coi quali i 2 founders dovranno riuscire a ultimare la prototipazione di un totem di validazione delle transazioni da installare nei punti vendita, il Sinba Checker, e coi quali, ovviamente, dovranno pure pagarsi gli stipendi. Intanto Visconti, che è anche papà di 2 bimbi, aveva assunto anche un impiego part-time come promoter di articoli sportivi.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Un Commento a “Donadon si prende l’8% della startup Sinba con 80K”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Sinba, l’applicazione italiana per pagare nei negozi evitando le code in cassa

La startup italiana che prova ad azzerare le code in cassa nei negozi fisici con l’applicazione Sinba.

Sinba a Shark Tank: il Fintech conquista la prima serata di Italia 1

Questa sera va in onda su Italia 1 la seconda puntata di Shark Tank. Fra le startup protagoniste anche Sinba.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup