Redazione

Redazione

Gen 12, 2016

Redazione

Redazione

Gen 12, 2016

Round da 4,5 milioni per Smartika. Agli inglesi piace il fintech italiano

La piattaforma di p2p lending italiana Smartika ha chiuso un round B con un venture di Londra. Con l'aumento di capitale entra nella governance Gustavo Perrotta

Di nuovo soldi che arrivano dall’Uk, di nuovo un round B sul fintech italiano dopo quelli di Moneyfarm, Satispay e DoveConviene. Smartika ha chiuso un round da 4,5 milioni di euro con Hamilton Ventures, società di merchant banking di Londra orientata al fintech e vigilata dal Financial Conduct Authority (FCA).

racing-with-machines

Chi ha investito su Smartika

Oltre a Hamilton Ventures, all’aumento di capitale di Smartika (già autorizzato dalla Banca d’Italia) hanno partecipato anche la holding di investimento Tp&Partners, Luigi Cosenza e altri investitori.

La piattadorma di prestiti p2p italiana è, secondo il Ceo di Hamilton Ventures, Gustavo Perrotta, «una realtà estremamente interessante e certamente disruptive nel settore finanziario, con alla guida un management team di provata esperienza».

I numeri e la nuova governance per Smartika

Smartika afferma di aver chiuso il 2015 con un fatturato di circa 300 mila euro, con oltre 20,8 milioni di euro e 5.791 prestatori attivi.

L’aumento di capitale è stato anche l’occasione per la definizione e ufficializzazione della nuova governance di Smartika: presidente del CdA il fondatore Maurizio Sella, Ad  Luciano Manzo, consiglieri Tommaso Pompei, Gustavo Perrotta, Pierluigi Loy Donà, Stephen Andrew Fitch, Pierpaolo Guzzo.

“In 3 anni prestiti per 300 milioni”

Il presidente di Smartika Maurizio Sella, in una nota, sostiene che «in un momento in cui le erogazioni di prestiti personali ammontano a 25 miliardi di euro di cui 1,3 miliardi viene concesso online, l’erogato complessivo dei prestiti tra privati potrà espandersi nei prossimi 2-3 anni fino a quota 300 milioni di euro».