Redazione

Redazione

Dic 2, 2014

La perdita dei dati costa 11,2 miliardi all’anno alle aziende italiane

L'EMC Global Data Protection Index rivela il costo annuale della perdita dei dati per le aziende: le italiane perdono 11,2 miliardi di euro.

Fingerprint

(Via Ansa)

Tra perdite di dati sensibili per guasti o errori e interruzioni inattese dei sistemi informatici, le aziende italiane negli ultimi 12 mesi hanno perso 11,2 miliardi di euro. A rivelarlo è l’EMC Global Data Protection Index, studio condotto da Vanson Bourne, che ha interpellato 3.300 dirigenti IT di medie e grandi aziende in 24 Paesi, rilevando che a livello mondiale la perdita è stata di 1.700 miliardi di dollari.

In Italia solo il 10% delle aziende è al passo con i tempi per la protezione. “Tutto questo – sottolinea lo studio -, in uno scenario nazionale in cui l’80% delle aziende intervistate ha registrato, negli ultimi dodici mesi, un blocco inaspettato nei propri sistemi informatici o una perdita di dati sensibili, che hanno portato per il 38% a una perdita della produttività, per il 22% a un decremento del fatturato e per il 36% al ritardo nello sviluppo di un prodotto”. In totale, emerge dall’inchiesta, “il 79% dei professionisti IT delle aziende italiane non nutre piena fiducia nella propria capacità di recuperare le informazioni a seguito di un incidente”.

A livello mondiale, Big Data, mobile e cloud stanno creando nuove sfide in termini di protezione dei dati. Il 51% delle aziende, infatti, non possiede un piano di ‘disaster recovery’ per nessuno di questi ambienti e solo il 6% ha definito piani per tutti e tre. Le aziende negli ultimi 12 mesi hanno perso mediamente il 400% di dati in più nell’ultimo biennio, l’equivalente di 24 milioni di messaggi email per azienda.

In termini di protezione dati, è la Cina che vanta il maggior numero di aziende all’avanguardia (30%), mentre in coda si trovano gli Emirati Arabi Uniti (0%).