3 buone ragioni per preferire la carta di credito al bancomat

E’ più sicura, è più facile ottenere un prestito, e spesso ti premia. La carta di credito, però, non piace ancora ai Millennials

Se anche tu hai nel portafogli un bancomat forse non hai fatto la scelta giusta. Ma saresti in buona compagnia: 7 millennials su 10 lo preferiscono alla carta di credito secondo un’indagine di Chime, piattaforma online di servizi finanziari. Ma perché sarebbe meglio preferire la carta di credito? Ecco 3 validi motivi secondo il Time.

carte-credito

1. Sei più protetto

Una carta di credito e un bancomat sembrano uguali se le confronti. Ma come si sa, l’apparenza inganna. Immagina che qualcuno riesca a rubartela o a clonarla. In questi casi malaugurati gli scenari sarebbero totalmente diversi: «Se un truffatore usa la tua carta di credito, la somma che dovrai pagare di tasca tua sarebbe più o meno 50 dollari. Ma la cifra potrebbe essere molto più alta (500 dollari) se la truffa è avvenuta via bancomat» spiega il conulente finanziario Sean McQuay. «Inoltre, se tu denunci un addebito non autorizzato sulla tua carta di credito, sarai immediatamente rimborsato. Con un bancomat la stessa operazione richiederebbe almeno 2 settimane, con il rischio di restare senza soldi sul conto» continua McQuay.

Home-Loan

2. E’ più facile ottenere un prestito

Sai cos’è? Sono una serie di parametri che se alti ti consentono di ottenere credito da una banca più agevolmente. Nel caso in cui tu voglia finanziare un grosso acquisto, come quello di una casa: «Le carte di credito ti daranno un punteggio più alto, mentre più basso se hai sempre usato il bancomat. Ed è legato al tempo, chi è possessore da più tempo di una carta di credito ha più possibilità di ricevere un “sì” dalla banca quando va a battere cassa» dichiara McQuay. Alcuni istituti finanziari fanno dipendere da questo aspetto ben il 15% della tua affidabilità creditizia.

sex_and_the_city

3. Ti piacciono i premi?

Un altro aspetto che il Time sottolinea è quello dei premi e dei vantaggi delle carte di credito. Un esempio? Alcune carte accreditano il 2% del valore degli acquisti che hai effettuato nei primi 6 mesi dall’emissione della carta. Altri servizi offrono 50 euro di voucher per ogni viaggio che effettui.

Consigli ai Millennials

Allora perché i Millennials continuano a preferire la carta di credito al bancomat? Secondo McQuay, «temono che usando la carta di credito spendano più soldi e vivano al di là delle loro possibilità. Ma è una paura spesso infondata. Si può possederne una, usufruire di tutti i vantaggi e non fare più spese del dovuto».

Approfondisci: Millennials, pochi soldi e non li danno alle banche. Ecco 63 startup fatte apposta per loro

Ti potrebbe interessare anche

7 trend sui pagamenti da tenere d’occhio nel 2016. Infografica

Ingenico Group predice cosa succede quest’anno, dai pagamenti con carte, agli smartphone, a Nfc.

Chi perde (o gli rubano) la carta di credito deve essere sempre risarcito, anche se lo scopre troppo tardi

Lo ha stabilito una sentenza del tribunale di Firenze, che ha condannato l’emittente della carta e la banca a risarcire un cittadino che aveva perso 30 mila euro. E mentre in Europa aumentano le truffe, in Italia paradossalmente diminuiscono.

Da marzo potremo pagare online con il Bancomat

Dal prossimo marzo per pagare online non sarà più necessaria una carta di credito: ecco come utilizzare il bancomat, e un po’ di chiarezza sul recente taglio delle commissioni.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)