Visa lancia in Europa la “tokenizzazione” dei pagamenti

Arriva il nuovo servizio far diventare token lo smartphone e altri dispositivi. Visa promette più sicurezza e rapidità nelle operazioni

Visa Europe annuncia l’espansione del suo servizio Visa Europe Payment Tokenization Service (VEPTS), che consente a banche, istituti finanziari e altri operatori di mercato di sviluppare la tokenizzazione dei pagamenti in ambito cloud (smartphone, wearable, ecc), wallet (come Visa Checkout), oppure dove i dati della carta di credito siano stati precedentemente “salvati” presso gli esercenti (“card on file”).

visa-tokenization

La tokenizzazione, secondo quanto comunicato da Visa Europe, renderebbe semplice e veloce sia il processo di associazione della carta ai servizi di pagamento digitale, sia la gestione e la conservazione dei dati sensibili quando si paga nei negozi fisici oppure online.

Nel 2020 1 su 5 pagherà con lo smartphone

«I consumatori in Europa – ha detto Sandra Alzetta, executive director business strategy innovation di Visa Europe – hanno a disposizione tecnologie innovative che offrono modalità di pagamento rapide e fluide per poter acquistare e pagare in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento e su qualsiasi dispositivo scelgano». E per i prossimi 5 anni Alzetta prevede che «un consumatore su 5 pagherà i suoi acquisti con lo smartphone su base quotidiana e i pagamenti su dispositivi mobili costituiranno oltre il 50% di tutte le transazioni Visa».

Leggi anche: Visa diventa primo azionista di Square

Cosa piace della “tockenizzazione”

Nel 2015 Visa Europe ha condotto alcune ricerche, secondo le quali il 62% dei consumatori interpellati mostravano preoccupazione per la sicurezza dei loro dati sensibili in caso di pagamenti su internet o con smartphone. Secondo Visa, la tokenizzazione garantirebbe la sicurezza dei dati della carta di pagamento, sostituendoli con una sequenza di numeri – un token appunto – così, ovunque siano conservati i dati token, i dettagli della carta non vengono esposti. Quando i consumatori effettuano un acquisto con un servizio di pagamento ‘tokenizzato’, al momento del pagamento viene presentato un token, non i dettagli della carta.

Come può essere usato

I token che possono essere creati per una singola carta possono essere molteplici: ciò consente alle istituzioni finanziarie di controllare e di gestire in maniera molto flessibile gli ambienti e i canali ove uno specifico token possa essere usato, aiutandole ad offrire ai titolari nuove modalità di pagamento con la loro carta. Per esempio, un token creato solo per uno specifico servizio di pagamento mobile inserito in una app non può essere catturato e usato altrove per fare un acquisto online.

I consumatori hanno un ulteriore valore aggiunto: se il dispositivo mobile viene smarrito o rubato, un token può essere disabilitato, in maniera rapida e semplice, sia dal titolare sia dalla banca emittente la carta, senza dover bloccare la carta Visa associata con il token. Analogamente, se una carta viene smarrita o trafugata, il consumatore potrà ancora usare il suo telefono tokenizzato per effettuare pagamenti in attesa di ricevere la carta sostitutiva.

Ti potrebbe interessare anche

Visa diventa primo azionista di Square, e il titolo dei cugini di Twitter schizza del 6%

Visa allarga la sua quota e arriva al 9,99% Accede così in modo privilegiato alle novità sviluppate da Square. E allo stesso tempo tiene d’occhio un potenziale concorrente

Chi paga il tetto sui pagamenti con le carte di credito. Scenari

Il tetto alle commissioni interbancarie non porterà direttamente un risparmio per i consumatori tutt’al più per i commercianti. Chi emette le carte, però, potrebbe far salire i costi e l’effetto boomerang è dietro l’angolo, come in Spagna.

Benedetta Arese Lucini (Oval, ex Uber) collabora col MISE su venture e startup

Benedetta Arese Lucini, ex general manager di Uber Italia, da luglio quindi sta collaborando con il ministero dello Sviluppo economico su innovazione, startup e venture capital. Il compenso annuo ammonta a 16.000 euro lordi

Insegnare agli studenti come usare i dati: torna “A scuola di Open Coesione”

Fino al 14 ottobre le scuole possono aderire al bando di Asoc, “A Scuola di Open Coesione”, il progetto che porta alle superiori percorsi innovativi per insegnare come usare gli open data. E la migliore ricerca vince un viaggio a Bruxelles

Aspettando Maker Faire Rome 2016 | ABA Perugia FabLab

Nato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”, ABA FabLab riproduce le opere d’arte perugine: dall’Ercole Farnese a un’intera gipsoteca “mobile”.