Un’app italiana fa pagare e comprare col credito telefonico in tutto il mondo, Digital Pay

E’ nata nel campus della “Google di Orvieto”, Vetrya. Si chiama Digital Pay ed è destinata a cambiare davvero il mondo dei pagamenti mobili

La famiglia dei mobile payments italiana si arricchisce di una nuova piattaforma: Digital Pay, con la quale è possibile acquistare beni e servizi attraverso il direct carrier billing (i pagamenti mediante credito telefonico) con 350 operatori di telecomunicazioni in 92 Paesi.

digital-pay-vetryaSviluppato da Vetrya, Digital Pay è un ecosistema cloud basato su direct carrier billing in grado di garantire pagamenti online per acquisto di beni e servizi attraverso smartphone, tablet, pc, connect tv e web connessi a reti mobili e broadband fisse. Il servizio è disponibile anche per le pincipali console di gioco.

Pagare col credito telefonico

La nuova piattaforma permette ai merchant di vendere beni, prodotti e servizi digitali ai propri utenti in tutto il mondo senza la necessità di una carta di credito o di un conto corrente bancario. I merchant infatti, grazie a Digital Pay, mettono a disposizione dei propri clienti una nuova modalità d’acquisto: l’addebito telefonico.

Come funziona Digital Pay

Con un solo click l’utente sceglie di acquistare un determinato oggetto o servizio selezionando l’icona Digital Pay tra le modalità di pagamento e addebitando la spesa nel proprio credito telefonico mobile o fisso. A questo punto invia la richiesta di addebito all’operatore telefonico e, immediatamente dopo, invierà all’utente una notifica (via sms e altri canali) con l’esito dell’avvenuto acquisto. Sempre lato utente, la piattaforma mette a disposizione un sistema di reporting online nel quale è possibile monitorare in tempo reale gli acquisti.

luca-tomassini

Luca Tomassini, fondatore e Ceo di Vetrya

Vetrya, la piccola Google di Orvieto

Fondata a Orvieto nel 2010 da Luca Tomassini (presidente e amministratore delegato) e Katia Sagrafena (direttore generale), Vetrya oggi impiega 75 dipendenti. Nata come startup, la società si occupa di innovazione nel campo del broadband, delle telecomunicazioni, del content management e del mobile entertainment. Il gruppo Vetrya è leader riconosciuto nello sviluppo di servizi digital, applicazioni e soluzioni broadband. Tramite Vetrya Inc., società con sede a Palo Alto (CA), sviluppa servizi e applicazioni b2c. Ha collaborazioni con operatori di telecomunicazioni in tutto il mondo, operatori media, editori, broadcaster, banche, utilities, manufacturing e consumer products.

Modello Google. Le aziende del gruppo sono ospitate a Orvieto un campus di 7 mila metri quadri, con aree verdi, un centro sportivo, spazi dedicati allo svago, work cafè, tech shop e formazione universitaria, all’insegna dell’ecosostenibilità, ricerca e innovazione.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

  • ziobudda

    Carina come idea, ma la vedo bene solo per acquisti di poco valore. Non penso che nessuno acquisterà 50-100€ di scarpe (ad esempio) tramite il credito telefonico, anche perchè in italia va molto “l’abbonamento” (prendi il telefono e paghi un tot al mese fisso) e quindi in verità soldi sul telefono non ce ne sono. E poi vorrei anche capire come fare per i resi e quindi i rimborsi.

    • ClaudioSara EspoCucu

      resi e rimborsi??? esiste una procedura che si chiama “storno”

  • salento62

    che fine ha fatto questa idea? non trovo da nessuna parte/store la proposta di pagare con questo metodo

Ti potrebbe interessare anche

Scommetteteci, il 2016 sarà l’anno del mobile payment anche in Italia

Satispay continua a crescere, Jusp decolla, Jiffy ha conquistato l’Europa, e anche lo Stato si farà pagare le tasse con un’app. Ecco perché il 2016 può davvero diventare l’anno del mobile payment anche in Italia

L’almanacco di fine anno del fintech italiano (e gli scenari per il 2016). Speciale SmartMoney

Abbiamo riassunto in un solo post tutti i fatti più importanti di quest’anno. Con una sorpresa. Speciale a cura di Giancarlo Donadio, Mariachiara Furlò, Aldo Pecora, Emanuela Perinetti.

“Non siamo una minaccia per le banche”: storia di Satispay, la startup che vuole far sparire il contante

Hanno appena lanciato l’applicazione Satispay per mandare denaro da uno smartphone all’altro. Non hanno paura a dialogare con le banche e possono contare su un recente aumento di capitale da 5,1 milioni di euro.

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger