Round da 8 milioni per Clip, il microPos messicano di 2 ex dipendenti PayPal

American Express ha guidato un round di investimento di serie A su Clip, startup fintech di Città del Messico, pronta a offrire il suo microPos 11 milioni di imprese

Lo scorso anno gli investimenti globali in tecnologie finanziarie hanno raggiunto quota 12,21 miliardi di dollari. Un mare di soldi, che non bagnano solo Usa e Europa. Ci sono mercati emergenti di cui pochi raccontano e che invece con la loro vivacità stanno divenendo l’ecosistema ideale per molte startup fintech, che sono pronte a scalare in tutto il mondo. Una di queste è Clip, la startup messicana specializzata in pagamenti mobili che ha comunicato di aver chiuso un round di investimento di serie A di 8 milioni di dollari. Una cifra tra le più alte in assoluto per un ecosistema così piccolo.

clip-messico

Cosa vuole American Express da Clip

La startup ha sede a Città del Messico, dove mira a fidelizzare con i propri servizi 11 milioni di imprese, ma gli sviluppatori e gli ingegneri stanno tutti a Menlo Park, in California. Ed è al Messico che guarda con molto interesse American Express, che punta su Clip per far crescere i propri numeri: in un paese dove girano oltre 30 milioni di carte di credito e bancomat, Amex ne conta appena 3 milioni.

I founders sono 2 ex PayPal

Lanciata nel 2013 da due ex dipendenti di PayPal, Adolfo Babatz e Vilash Poovala, Clip mira ad essere l’equivalente messicano di Square, la startup nata dalla mente del papà di twitter, Jack Dorsey. Anche Clip, come Square, iZettle e altri consiste in un microPos, ovvero piccolo dispositivo di pagamento mobile che permette ai piccoli commercianti di accettare pagamenti con le carte di credito, bancomat e online.

Chi ha messo gli 8 milioni

Il round da 8 milioni è stato guidato dalla società di venture capital messicana Alta Ventures, con la partecipazione di Amex Ventures, Sierra Ventures, Endeavor Catalyst.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Un Commento a “Round da 8 milioni per Clip, il microPos messicano di 2 ex dipendenti PayPal”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Arriva in Italia iZettle, il Pos low cost per smartphone (che più lo usi meno lo paghi)

Avere un Pos arriva a costare anche 550 euro al mese. Una startup svedese ha inventato un Pos e un’app che stanno rivoluzionando i pagamenti mobili (e che sta scalando in tutto il mondo)

Jusp, Square, and Payleven: Banks, if you can’t beat them, join them

At this point, it is a given that startups are revolutionizing the world of money. The question now is: how? There is an entire market (which in Italy is still in its initial phase but boasts enormous potential), that of mobile POS whose total transactions are predicted to reach 2-3 billion euros in transactions by… Read more »

Pagamenti mobili: quattro casi (già) da manuale

L’iniziativa di Paym, di cui abbiamo già parlato, dimostra come l’industria bancaria britannica stia investendo pesantemente nei pagamenti. Non a caso dopo poco è arrivata Zapp, nata dalla collaborazione fra cinque banche. E Barclays, per restare competitiva, ha migliorato il suo servizio Pingit arricchendolo di nuove funzionalità. Vediamo nel dettaglio quali sono le proposte principali e… Read more »

È (finalmente) il momento di Jusp, lo Square italiano

Quella di Jusp è una storia bella, ma anche complicata. Fondata dai 27enni lombardi Jacopo Vanetti e Giuseppe Saponaro, la startup è partita a fine 2011 per fare in Europa quello che Jack Dorsey sta e stava facendo negli Stati Uniti.

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione