La pressione delle startup si fa sentire: Paypal cede all’Nfc

Il colosso dei pagamenti torna sui suoi passi nel Regno Unito con le transazioni senza contatto

L’annuncio di PayPal Uk è arrivato a metà agosto e ha destato non poca sorpresa nel mondo dei pagamenti mobili. Perché proprio il colosso ex eBay si era dichiarato sempre scettico nei confronti della tecnologia Nfc e, adesso, apre a essa le sue porte nel Regno Unito rispondendo a startup come iZettle, Payleven o Jusp (italiana).

07715459-photo-paiement-paypal-here

I Pos mobili

Saranno in particolare i mobile Pos targati Paypal a poter ricevere pagamenti contactless attraverso le carte dei circuiti Maestro, Visa e Mastercard. Da tempo Paypal ha lanciato la sua “pay-as-you-go solution” destinata soprattutto ai piccoli esercenti. Una formula che prevede, a fronte del pagamento di una canone fisso e una per transazione, la fornitura del terminale per l’accettazione di pagamenti elettronici e servizi correlati come il cosiddetto cash management. Dapprima questo sistema era stato chiuso al contactless proprio perché Paypal non aveva mai voluto investire su questa tecnologia.

L’inversione di rotta

Adesso però che per stessa ammissione di Cameron McLean, managing director di Paypal Uk, le evidenze confermano che l’Nfc sta prendendo piede tra gli utenti con 58 milioni di carte senza contatto attive nel solo Regno Unito, anche Paypal si mostra pronta a rispondere alla crescente domanda di “tap&go” che riguarda sempre più utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA