Ddl concorrenza: mostre e concerti si pagano con il credito del telefonino

Un emendamento del ddl prevede i pagamenti con il credito della Sim di mostre, concerti ed eventi sportivi

Mostre, concerti ed eventi sportivi si potranno pagare con lo smartphone o meglio con il credito telefonico della propria Sim ricaricabile (quindi anche con il caro vecchio feature phone). Lo stabilisce un emendamento al ddl concorrenza approvato dalle commissioni Finanze e Attività Produttive alla Camera di cui firmatario è stato Sergio Boccadutri (Pd) che ha ricordato come sono 14 milioni gli italiani che non hanno un conto in banca.

1393604387000-sim-card-illo

La direttiva europea

L’emendamento in questione anticipa in parte il recepimento di una direttiva europea sui micro pagamenti digitali e allo stesso tempo offre uno strumento di pagamento alternativo a chi non possiede un conto e carta di credito. Per quanto riguarda la definizione del valore dei micropagamenti, questo dovrebbe attestarsi sui 50 euro, come previsto dalla direttiva europea.

Gli unbanked

Il provvedimento dunque sarebbe stato pensato per favorire quegli italiani “unbanked”, che non possiedono un conto ma che nel 90% dei casi hanno una sim ricaricabile che può essere utilizzata come mezzo di pagamento non solo per beni digitali e biglietti dei mezzi pubblici così come avveniva prima dell’emendamento.

Il ruolo delle Sim

Senza dubbio esultano le telco che vedono allargato il loro campo di azione nell’ambito di pagamenti mobili, recuperano un ruolo se non proprio centrale quantomeno alternativo della cara vecchia Sim, e tornano almeno sulla carta competitive nella corsa all’oro dei pagamenti mobili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Non siamo una minaccia per le banche”: storia di Satispay, la startup che vuole far sparire il contante

Hanno appena lanciato l’applicazione Satispay per mandare denaro da uno smartphone all’altro. Non hanno paura a dialogare con le banche e possono contare su un recente aumento di capitale da 5,1 milioni di euro.

5 metodi di pagamento che gli italiani non conoscono ancora bene

Per acquistare online gli italiani si affidano nel 94% dei casi a Paypal e carte classiche, ma iniziano a farsi vedere 5 alternative più innovative, a partire dai portafogli digitali.

19 proposte per rilanciare il commercio elettronico

Online vende solo il 4% delle imprese italiane: ecco le proposte di Netcomm per rilanciare l’e-commerce.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola