Altro che Apple Pay: Alibaba dà lezioni di pagamenti mobili con Alipay

Le nuove funzionalità dell’applicazione Alipay di Alibaba permettono di inviare denaro fra utenti e di comunicare con gli esercenti

Anche il gigante dell’e-commerce Alibaba ha messo a punto una soluzione di trasferimento di denaro peer-to-peer (qui i piani di Apple), attraverso smartphone e tablet in aggiunta alle funzionalità del proprio portafoglio mobile Alipay. L’ applicazione che è stata pensata anche per consentire i pagamenti in negozio avrebbe così due macro-funzionalità denominate “Friends” e “Merchants”.

BN-FA686_alipay_G_20141016000312

Gli amici

Nella categoria “Friends” sono inclusi: l’invio di denaro p2p, i cosiddetti “payments reminders” (ovvero dei memo e degli alert sui pagamenti in sospeso o in ritardo) ma anche un sistema di messaggistica (social messaging) attraverso cui inviare ai propri contatti coupon e segnalazioni di offerte su prodotti e servizi o negozi da visitare. Inoltre vi è la possibilità di ricevere consigli mirati in base alle proprie abitudini di spesa e acquisto, come una sorta di shop assistant attento ai nostri risparmi e sempre in tasca.

Gli esercenti

La funzionalità “Merchants” invece è stata pensata per la relazione con gli esercenti. Sono questi utlimi a poter inviare coupons che poi l’utente può redimere in negozio o inviare comunicazioni e offerte dedicate quando questo si trova nei pressi del negozio attraverso il servizio di geolocalizzazione. Ovviamente questa categoria permette anche di pagare il bene in negozio attraverso Alipay. Tra le grandi catene che hanno adottato la soluzione ci sono anche KFC China e Walmart, proprio quelli che avevano boicottato Apple Pay negli Stati Uniti. Alipay però in Cina fa numeri da capogiro: la quota di mercato dei pagamenti mobili di Alipay ha raggiunto l’82% delle transazioni che passano attraverso dispositivi mobili. L’ app con le nuove funzionalità descritte, la “Super App”, come è stata definita in una nota di Ant Financial (il gruppo finanziario di Alibaba), è già disponibile sia per iOs sia per Android e la tecnologia attraverso cui permette i pagamenti in negozio, è la semplice scansione di un QR Code.

Le consegne di cibo

Le novità di Alibaba però non finiscono qui. Grazie ad una neo-costituita joint venture tra Alibaba Group e Ant Financial, il colosso ha dato vita a Koubei. La missione dichiarata della nuova società è quella di far convergere mondo reale e del commercio online in un’unica “fluid shopping experience” con un’esperienza utente unica e semplificata a pochi ed essenziali passaggi. Si sa poco altro, se non che il target di esercenti a cui si rivolge il servizio è quello dei ristoranti a cui pare verrà offerto anche un servizio di food delivery. Dal Fintech alFoodtech? Di certo Jack Ma è pronto a sorprenderci ancora.

Ti potrebbe interessare anche

10 banche italiane pronte a farci mandare denaro con l’app Jiffy

Ci siamo fatti raccontare come funziona Jiffy, l’applicazione sviluppata da Sia per consentirci di inviare denaro da uno smartphone all’altro con un semplice messaggio

Apple Pay arriva in Europa, ma i costi spaventano le banche

Il sistema di pagamento di Cupertino debutta oggi negli Stati Uniti. Il sistema di commissioni interbancarie su cui si appoggia in Europa non può funzionare.

Apple Pay: la Cina tiene Tim Cook per il bavero

Apple vuole portare il sistema di pagamento Apple Pay in Cina, anche per respingere l’imminente attacco di Samsung, ma le richieste sono stringenti

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti