Apple Pay non ha paura: 1 milione di carte attivate in 72 ore

Tim Cook risponde ai detrattori con i numeri: Apple Pay ha attivato un milione di carte di credito in sole 72 ore.

Schermata 2014-10-28 alle 15.42.28
(foto di The Verge)

È passata appena una settimana dal lancio di Apple Pay, ma Tim Cook già canta vittoria. Intervistato al WSJD live (ovvero dal Wall Street Journal), il Ceo rivela che Apple è diventata il leader dei pagamenti contactless, con cifre che superano quelle di tutti gli altri concorrenti messi assieme.

 

Soltanto nelle prime 72 ore di esistenza del servizio, Apple ha attivato un milione di carte di credito. Il numero ora è ben più alto e la sensazione è che i clienti siano in buona parte soddisfatti.

Per quanto riguarda quei venditori che hanno deciso di non supportare Apple Pay (ne abbiamo parlato qui), Cook pensa che cambieranno idea non appena il sistema mobile avrà un successo diffuso. “Un commerciante va avanti nel lungo periodo soltanto se è amato dai clienti”, ha sentenziato il successore di Steve Job. Sottinteso: Apple vuole conquistare la maggioranza dei portafogli, e ci riuscirà.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)