Banca Sella lancia una versione di Hype per ragazzi (a partire dai 12 anni)

Ci si registra con un selfie e si può fare tutto: trasferire denaro ai contatti in rubrica, comprare online, prelevare e mettere soldi da parte. Ma sempre sotto il controllo dei genitori. Ecco come funziona Hype per minori

Un’app, una carta ricaricabile e un Iban anche per i minorenni. Hype, la piattaforma di pagamenti innovativa del Gruppo Banca Sella, lancia anche una propria versione per i ragazzi (età minima 12 anni), che tramite l’app potranno iniziare a gestire la propria vita finanziaria proprio come gli adulti: trasferendo denaro ai contatti della propria rubrica, acquistando fisicamente in negozi e su internet, programmando obiettivi di risparmio automatici, e prelevando gratuitamente con la carta dagli sportelli bancomat di tutto il mondo.

hype_carta-pausa

Come funziona Hype per minori

Una volta installata l’app sul proprio smartphone, per registrarsi, i giovanissimi futuri utenti dovranno inserire i propri dati, scattare un selfie per farsi riconoscere, inviare anche e la foto di un documento d’identità e comunicare l’indirizzo mail di uno dei genitori (che dovrà autorizzare l’operazione).

Una volta completata la fase di registrazione, si riceve al proprio indirizzo una carta contactless intestata direttamente al minore, disponibile anche sull’app dello smartphone nella sua versione “virtuale”, collegata a un conto di moneta elettronica e ad un codice Iban.

Autonomi, ma sempre sotto il controllo dei genitori

I ragazzi possono operare con Hype in autonomia, ma i genitori hanno la possibilità di avere visione della loro operatività. Ogni mese, infatti, ricevono tramite posta elettronica un riepilogo delle operazioni effettuate, con l’indicazione delle entrate e delle uscite e i relativi importi, le spese effettuate sia nei negozi fisici sia online e possono chiedere approfondimenti sull’operatività contattando il servizio di assistenza di Hype. In futuro, comunica il Gruppo Banca Sella, questo controllo potrà avvenire tramite una versione di Hype pensata appositamente per i genitori e associata a quella dei propri figli.

Quanto agli acquisti su Internet, la versione di Hype per i minori impedisce automaticamente che vengano effettuate transazioni su siti di scommesse, di commercio di armi, siti per adulti e tabacchi. La carta Hype può, inoltre, essere messa “in pausa”, disabilitando momentaneamente alcune funzioni (acquisti online, prelievo bancomat, ecc…) con un “tap” direttamente dal proprio smartphone.

Uno strumento di educazione finanziaria

Secondo il Gruppo Banca Sella, Hype ha lo scopo implicito di «aiutare i più giovani anche a mettere da parte i loro primi risparmi, per l’acquisto di un nuovo computer, ad esempio, o del biglietto di un concerto. Basta inserire la somma che si vuole mettere da parte e in quanto tempo e l’app elaborerà automaticamente un piano di risparmio personalizzato per raggiungere il risultato, calcolando automaticamente la somma di denaro da risparmiare quotidianamente. Nella schermata principale verrà sempre visualizzata la voce “Puoi spendere” vale a dire il saldo disponibile che si può utilizzare senza intaccare la somma progressivamente accantonata per raggiungere i propri obiettivi».

Ti potrebbe interessare anche

Il conto corrente? Lo apro con un selfie. L’idea di Federico che ha conquistato Banca Sella

L’applicazione sviluppata da Federico Meconi permette di scambiarsi denaro e autenticarsi con un selfie. A Banca Sella è piaciuta: così è nata Hype.

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia