OvalMoney e Trakti vincono gli Italian Fintech Awards

Vincono la startup della ex responsabile di Uber Italia e lo spin-off di un centro di ricerca

Alla fine dagli Italian Fintech Awards, a sorpresa, Riccardo Luna e Roberto Ferrari hanno chiamato sul palco non un solo vincitore ma 2. A sbaragliare la concorrenza delle altre 10 startup finaliste in posizione ex aequo 2 progetti: OvalMoney, un’app collegata al conto e alla carta di credito dell’utente che fornisce info sulle sue abitudini di spesa e lo aiuta a risparmiare. E Trakti, una piattaforma che aiuta le imprese a gestire e finalizzare al meglio le trattative online.

I team di OvalMoney e Trakti, vincitori ex aequo degli Italian Fintech Awards di CheBanca!

OvalMoney, il salvadanaio digitale

Ci sono due volti conosciuti nell’ecosistema startup dietro al primo progetto vincitore del concorso. Benedetta Arese Lucini, classe 1983, ex general manager di Uber fino al 2015 quando ha lasciato la multinazionale di Travis Kalanick per partire con nuove avventure. Ha cofondato OvalMoney con Claudio Bedino, fondatore di Starteed, una piattaforma di crowdfunding e membro di ECN (European Crowdfunding Network) l’organizzazione non-profit a sostegno del crowdfunding.

Oval Money è in sostanza un’app che si collega a un conto corrente bancario e a una carta di credito e ti fornisce aggiornamenti e statistiche in tempo reale sulle tue abitudini di spesa e ti consiglia come risparmiare, comportandosi come una sorta di salvadanaio virtuale in cui finiscono gli spiccioli di ogni transazione. Sarà possibile poi chiedere piccoli prestiti peer-to-peer e restituire la somma con micro pagamenti giornalieri.

Trakti, per aumentare le vendite online

Il progetto è uno spinoff di eXtrade, startup di ricerca nel campo delle transazioni elettroniche e dei servizi intelligenti. Il founder è Luigi Telesca,  esperto di modelli di business digitali.

Insieme al suo team ha ideato Trakti, una piattaforma che permette di avviare, proporre, condividere, gestire e concludere online qualsiasi tipo di trattativa di business dal pc o dal tablet. Con Trakti puoi essenzialmente creare una trattativa, promuoverla, aumentandone la visibilità attraverso condivisioni sui social network e controllare l’evoluzione nel tempo. Al termine Trakti genera un contratto online, n modo che tutte le parti possono condividerlo e firmarlo. La startup punta in questo modo a sostituire i CRM nella gestione e finalizzazione di trattative online.

Cosa si portano a casa

Le due startup vincitrici si aggiudicano un grant da 25 mila euro ciascuna, una sessione personalizzata con uno startup coach e l’opportunità di volare a Londra presso i due fintech accelerator Level39 e Startup Bootcamp FinTech. Ma conosciamo più da vicino i vincitori.

#IFA2016 è trending topic

Per tutta la giornata dei Fintech Awards l’hashtag #IFA2016 è stato trending topic di Twitter (classifica Italia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Big data & Cybersecurity: a che punto siamo e chi sono le 3 startup finaliste ai Fintech Awards

Hopenly e Tickete sono le 2 finaliste che lavorano coi dati, mentre per la cybersecurity in gara per i Fintech Awards di CheBanca lo spin-off dell’Università di Salerno, NITe. Speciale #IFA2016

Finanza alternativa: a che punto siamo e chi sono le startup finaliste agli Italian Fintech Awards

OvalMoney e Growish sono le startup finaliste agli Italian Fintech Awards per la sezione “finanza alternativa”. DeRev è fuori dalla competizione. Speciale #IFA2016

P2p e robo advisor: a che punto siamo e quali sono le 3 startup finaliste ai Fintech Awards

Soisy in finale per il p2p lending, eKuota e SelfieWealth per la robofinance. Una fotografia dei settori in Italia e nel mondo, prima dei Fintech Awards. Speciale #IFA2016

Payments: a che punto siamo e la startup finalista agli Italian Fintech Awards

Il mercato dei pagamenti italiano riceve sempre più attenzioni dall’estero, soprattutto dal Regno Unito. Una di queste, SOLO, è tra le finaliste agli Italian Fintech Awards di CheBanca!

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato