Anche Airbnb arriva sulla blockchain (e assume tutto il team di una startup)

La validazione degli utenti e delle recensioni di Airbnb passerà dalla blockchain. Per farlo la piattaforma di home sharing ha “acqui-hired” una startup

Airbnb assume il team di una startup che opera nella blockchain. Assume, o meglio ha “acqui-hired”, termine a metà tra acquisizione e assunzione. Si chiama ChangeCoin e gestisce un servizio di micro pagamenti via bitcoin. Ma perché il portale degli affitti brevi si sta interessando alla tecnologia? Lo spiega Quartz.airbnb-blockchain

ChangeCoin, la startup di 2 ex Yahoo

La startup consente agli utenti di inviare piccole somme di cripto moneta su Twitter, Facebook e Reddit. A guidare il team composto anche da ex ingegneri di Yahoo!, Nick Sullivan che oltre a essere uno dei più noti imprenditori americani nel campo dei bitcoin, è anche mentor dell’incubatore 500 Startups, che ha contribuito all’investimento di 5 milioni di dollari (Digital Currency Group, and Pantera Capital) che la startup ha ottenuto.

Perché a Airbnb piace la blockchain

Già in una sua intervista su City.am, il cofondatore di Airbnb ha spiegato il suo interesse verso le nuove forme di tecnologia che si stanno diffondendo nel fintech, come la blockchain: «Penso che per Airbnb la reputazione dei suoi utenti sia tutto e sarà ancora di più nel futuro (più alta è la valutazione di un utente più facile è che affitti il suo appartamento o che ottenga l’affitto, ndr). Dove un utente dovrà avere un certo rating per avere accesso a un certo tipo di appartamento. Qui la domanda è come esportare questi dati in modo da metterli a disposizione di chi vuole creare altri modelli di sharing economy» spiega Blecharczyk.

Ed è qui che entra in gioco la blockchain, come fa notare Quarts: «La blockchain potrebbe essere il mezzo per registrare tutte le transazioni e i dati e, in alcuni casi, metterli a disposizione di altri. In questo modo Airbnb potrà rendere i profili dei suoi utenti universali e immodificabili, come una forma di identità digitale, un po’ come i profili che gli enti creditizi creano per le persone» scrive il sito.

Questo sistema acquista valore se esportato verso altre piattaforme. Un utente di Uber, per esempio, potrebbe sapere la storia di un suo cliente, se per esempio ha danneggiato un appartamento della rete di Airbnb.

Leggi anche: Tutti gli usi della Blockchain

Ma ci sono altri usi più magici

Quartz si diverte a immaginare altri modi in cui gli utenti di Airbnb potrebbero usare la blockchain, come per esempio un meccanismo che apre o chiude la porta di un appartamento non appena un utente ha inviato soldi sulla blockchain.

Ti potrebbe interessare anche

Anche crowdfunding e Airbnb nel piano di Obama per i rifugiati

La Casa Bianca si appella al web per aiutare i rifugiati siriani. Al crowdfunding ci pensa Kickstarter, e ci sono anche Twitter, Instacart e Airbnb

Arrotondare affittando una scrivania a casa. Ecco l’Airbnb degli uffici

Una startup vuole reinventare il coworking e copia la piattaforma di Airbnb ma in chiave business, proponendo gli spazi di casa a chi cerca un ufficio. Si possono guadagnare anche 300 euro al mese affittando una scrivania

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti