#Fintech è la parola più twittata in Italia da chi segue le startup

Sorpresa! Subito dopo #innovazione, #fintech e #bitcoin sono gli hashtag più usati su Twitter dagli italiani che cinguettano di startup

Qualora qualcuno avesse ancora qualche dubbio, adesso parlano i numeri: #fintech e la sorpresa #bitcoin (ma anche noi di Smartmoney, diciamolo) dominano la classifica degli hashtag più utilizzati nel 2015 su Twitter da protagonisti, addetti ai lavori e anche semplici appassionati del panorama startup italiano. A rivelarlo è un report realizzato per il secondo anno consecutivo da Talent Garden e IBM.

fintech2015-italia_copertina

L’esplosione del fintech in Italia

“Il 2015  – si legge nel report – è stato l’anno dell’esplosione del fintech”. Per il founder e Ceo di Talent Garden, Davide Dattoli, «nel 2015 l’impatto della digital disruption ha investito il mondo dei servizi finanziari, aumentando considerevolmente le conversazioni intorno a quelle startup che si occupano di e-payment, bitcoin e tracciamento delle transazioni».

Leggi anche: E’ Startupitalia il maggior influencer sulle startup

«La ricerca – dichiara Enrico Cereda, amministratore delegato di IBM Italia – ci conferma il grande fermento sociale sui temi dell’innovazione e del digitale. Mi riferisco a quella parte del Paese che dimostra di avere precise competenze e che sui social dibatte, fa cultura e per questa via contamina a poco a poco l’intero tessuto. Cosa di cui c’è grande bisogno, per colmare i nostri gap e per fare sviluppo».

La classifica degli 8 hashtah più utilizzati dall'ecosistema startup italiano (fonte: TAG-IBM)

La classifica degli 8 hashtah più utilizzati dall’ecosistema startup italiano (fonte: TAG-IBM)

Con il 29% di interazioni, Milano si conferma la «città degli innovatori», seguita a ruota da Brescia (23%) che si piazza davanti a Roma (18%). Sono ancora preponderanti i numeri delle discussioni su Twitter nelle città del nord ma anche le province iniziano a parlare di startup e innovazione. Il Mezzogiorno è rappresentato da Napoli, al 5° posto con il 3%, e da Palermo, quindicesima. Dietro a Napoli si mettono in evidenza Trieste, Vicenza, Firenze, Massa e Cremona.

Così l’Italia ha scoperto il fintech

«Fino a 2 anni fa in Italia pochi sapevano cosa significasse la parola Fintech, l’ecosistema era piccolo, ed eravamo davvero in pochi a scommetterci. Ora la musica è cambiata». Così Mattia Ciprian, founder di ModeFinance, intervistato da SmartMoney aveva commentato lo scenario italiano del settore fintech.

Cosa twittano di più gli uomini e le donne (fonte: TAG-IBM)

Cosa twittano di più gli uomini e le donne (fonte: TAG-IBM)

Se 2 anni fa erano ancora poche decine le startup in Italia, adesso la musica è finalmente cambiata. O almeno dà ottimi segnali. Il fintech italiano nel 2015 non ha certo deluso le aspettative, anzi, tutt’altro. C’è l’eCommerce, che come vediamo proprio in queste ore sta scalando anche nel mercato dell’editoria digitale. Diversificazione, native advertising, o più semplicemente: soldi. Ma il fintech pensa anche ai commercianti “tradizionali”, perché acquisti vuol dire anche pagamenti, mobile payments, un settore dove le nostre startup iniziano a scalare velocemente e a guadagnare fette di mercato anche all’estero. E viceversa inizia a crescere la concorrenza, con l’arrivo in italia di startup fintech, non solo nei pagamenti ma anche nel settore banking.

Ma la vera, grande, cartina di tornasole sono i round milionari chiusi nel 2015 da MoneyFarm, Satispay e Doveconviene: 3 startup, dello stesso settore, nella top ten dell’Open Summit di Milano del 14 dicembre. Tra fondi d’investimento, banche, grandi società, holding finanziarie, a metterci soldi (tanti) sulle startup fintech nostrane sono stati gli inglesi, ovviamente. In Italia la crescita dell’ecosistema prima che del settore procede a piccoli passi, il Regno Unito, invece, in questi ultimi 2 anni si è conquistato il primato mondiale di Regno del Fintech.
E già all’inizio del 2016 sempre gli inglesi sono quelli che hanno investito sul p2p lending di Smartika e che poche settimane fa agli UK-Italy Business Awards hanno staccato un biglietto per Londra per la startup fintech italiana Solo.

Potrebbe interesarti

L’almanacco di fine anno del fintech italiano (e gli scenari per il 2016). Speciale SmartMoney

2015-fintech_copertina

l 2016 sarà l’anno del fintech, lo dicono praticamente tutti gli stakeholders e gli osservatori di economia e finanza globale. Tant’é che alla fine di quest’anno sono arrivate a distanza di poche settimane 2 notizie che da sole bastano a delineare gli scenari dei prossimi 10 anni: dopo aver snobbato e sbeffeggiato per anni il bitcoin, adesso anche le grandi banche d’affari vogliono sfruttare le potenzialità offerte dalle criptovalute. Continua a leggere…»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup