Negli Usa tira una brutta aria per le startup, a partire da quelle fintech

Secondo uno studio di CBInsight nel quarto trimestre 2015 i finanziamenti alle fintech sono crollati del 63%

times-fintech

Sono in arrivo tempi duri per le startup made in Usa, e i primi effetti stanno iniziando ad arrivare anche nel fintech. Secondo i dati raccolti da CBInsight, nel quarto trimestre del 2015 il settore delle startup fintech ha subito nel 2015 una riduzione del 63% di finanziamenti, da 4,7 miliardi di dollari del 2015 a 1,7 miliardi (vedi segmenti Q3 e Q4 nel grafico di Atlas qui sotto). In linea generale, gli investimenti totali nel settore tech sonoo scesi del 29%: da 38,7 miliardi di dollari a 27,2 nello stesso arco temporale.

Startup fintech che stavano meglio quando stavano peggio

Società quotate in borsa come Square (che oggi comunque sembra tornare a guadagnare) e Ondeck hanno visto calo dei loro prezzi delle azioni dai tempi delle loro rispettive IPO. Non solo. Sono sempre di più quelli che riscontrano difficoltà a rimborsare i prestiti da istituti di credito alternativi. E non a caso questo preoccupa anche agenzie di credito come Moody’s. A ciò si aggiunga il giro di vite normativo che ha costretto big del calibro di Lending Club a cambiare le proprie tariffe.

Leggi anche: Visa diventa primo azionista di Square

Il ruggito delle banche

Nel frattempo, le istituzioni finanziarie tradizionali dicono che possono essere addirittura migliori delle startup. Secondo il Ceo di JP Morgan Chase, Jamie Dimon, intervistata «le banche sono abbastanza brave a utilizzare il digitale per rendere più facili le operazioni per i clienti». Quindi, dice Dimon a Bloomberg: «sarà una sfida per chiunque essere migliore, più veloce e più economico rispetto a noi».

 

 

Ti potrebbe interessare anche

La previsione dell’ex socio di Soros: “Negli Usa 2016 in recessione. E si rischia bolla del dollaro”

Jim Rogers è un investitore noto per essere socio del miliardario George Soros. In un’intervista a Bloombers spiega perché è certo di una prossima recessione negli Usa

Visa diventa primo azionista di Square, e il titolo dei cugini di Twitter schizza del 6%

Visa allarga la sua quota e arriva al 9,99% Accede così in modo privilegiato alle novità sviluppate da Square. E allo stesso tempo tiene d’occhio un potenziale concorrente

Amazon paga casa e 7.500 dollari al mese per uno stagista. Ecco la lista degli stipendi d’oro in Silicon Valley

Una lista rivela i salari stellari (mai smentiti) dei dipendenti della Silicon Valley. Perché pagano così tanto? La caccia ai talenti, dal work for equity nelle startup alla “vendita dell’anima”: ecco l’analisi di SmartMoney

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli