Hands Free, per pagare basta dire “pago con Google”. I primi test nei McDonald’s

Google lancia un nuovo servizio di pagamento con riconoscimento facciale, dove paghi anche se hai il telefono in tasca. Ecco come funziona

Si chiama Hands Free, ed è il nuovo metodo di pagamento che Google sta già sperimentando in alcuni ristoranti di San Francisco, come i McDonald’s. Il nome del progetto dice già tutto: il sistema di pagamento, infatti non richiede l’uso delle mani né alcuna interazione con contanti, carte o (ed è questa la vera novità) con il proprio smartphone. Per completare la transazione sarà sufficiente pronunciare la frase “I’ll pay with Google”.

google-hands-free

Come funziona Google Hands Free

Anche se dietro c’è tutt’altro che una magia. Il pagamento infatti è reso possibile da una semplice associazione tra l’applicazione, una carta di pagamento (debito o credito) e la fotografia dell’utente. La carta viene associata al momento di download dell’applicazione disponibile per Android (4.2 Jelly Bean e versioni successive) e iOS (iPhone 4S e successivi). Il sistema ha enormi  potenzialità dal momento che non è rivolto esclusivamente ai possessori di un Android, ma a tutti coloro che hanno uno smartphone.

La tecnologia che rende possibile il pagamento è invece il Bluetooth o il WiFi che si interfaccia con la posizione del cassiere consentendo di verificare che il volto della persona che sta pagando corrisponda all’immagine caricata. Totalmente diverso dunque da Android Pay, riservato per l’appunto ai soli possessori di tale sistema operativo e che utilizza la tecnologia di prossimità del Near Field Communication (NFC).

Guarda il video

Sicurezzza e privacy

Molti utenti hanno già sollevato problematiche sulla  sicurezza ma al riguardo Google stessa ha rassicurato sul fatto di poter garantire un sistema di protezione aggiuntivo, in particolare una videocamera specifica per il riconoscimento facciale. Come specificato sul sito ufficiale sarà il computer a procedere all’identificazione: una volta che il cliente avrà affermato di voler pagare con il metodo Hands Free gli verrà scattata una foto.

La tutela della privacy rimarrà uno dei capisaldi dell’offerta di Big G. La foto acquisita, infatti, viene immediatamente cancellata appena la transazione è stata effettuata e tutti i dati relativi alla carta di credito non verranno forniti al negoziante che avrà soltanto la possibilità di confermare o rifiutare il pagamento.

Emanuela Perinetti
@manuperinetti

Ti potrebbe interessare anche

Mastercard permetterà di pagare con un selfie, anche in Italia

Il leader delle carte di credito ha finito la prima fase di sperimentazione in Olanda: il 92% di chi ha provato la novità di Mastercard la preferisce al pin

Impronte digitali, voce e iride: la password siamo noi. La biometria, spiegata.

007 e Matrix sono arrivati in banca. Il riconoscimento dell’iride e altri strumenti di autenticazione e riconoscimento forniti dalla biometria sono già realtà. Abbiamo fatto un salto nel futuro: vi diciamo cosa c’è

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti