Così Alibaba prepara la lotteria Fintech

Alibaba comprerà a prezzo stracciato una minuscola società di lotterie online di Hong Kong

Alibaba ha acquistato un biglietto della lotteria su una piccola società di Hong Kong: insieme con Ant Financial, investirà circa 300 milioni di dollari in Agtech Holdings, una sconosciuta società (ma quotata in borsa) che gestisce le lotterie online in Cina. Il gigante dell’eCommerce potrebbe ottenere il controllo di Agtech con uno sconto 83%, non si sa se questo prezzo sia un affare o meno, visto che l’azienda delle lotterie è in continua perdita.

Il Ceo di Alibaba, Jack Ma

Il Ceo di Alibaba, Jack Ma

Le “Ali babies” stanno sfondando

Forse Alibaba spera di replicare il suo successo nelle precedenti “Ali babies” società acquistate dal rivenditore online come veicoli per le imprese specializzate. Il valore delle azioni di Alibaba Health Information Technology sono quintuplicate dall’acquisizione 2 anni fa da parte del colosso giudato da Jack Ma, mentre quello di Alibaba Pictures Group è quasi triplicato.

Perché Alibaba ha vinto alla lotteria

Lo scorso anno, anche a causa di pressioni normative e minacce di sanzioni, Alibaba aveva vietato la vendita dei biglietti della lotteria da suoi siti. Ma le licenze di Agtech possono essere un modo per tornare sul mercato delle lotterie dalla porta principale. O anche, secondo il Wall Street Journal, un modo per raccogliere fondi.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Ti potrebbe interessare anche

Alibaba fa infuriare i big del Made in Italy, che preparano un incontro segreto con Amazon

Un anno fa l’incontro tra Renzi e Jack Ma, ora gli industriali italiani vogliono stracciare l’accordo col gigante dell’eCommerce cinese: «su Alibaba un prodotto su 2 è falso».

Cosa ci faceva Jack Ma a Palazzo Chigi (e che ruolo avrà l’Italia nella banca cinese)

Nata nell’ottobre del 2014, la nuova banca cinese servirà soprattutto a investire sulle grandi opere e aiuterà l’Europa, e l’Italia, ad attrarre investimenti.

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli