Drone Pay: metti la carta di credito, paghi, e te la riporta (forse). Video

Sorridiamo un po’, perché se alla fine questo drone lo fanno davvero hai voglia di scrivere di bitcoin, p2p, eccetera eccetera…

I colleghi di Finextra raccontano ironicamente di un singolare esperimento fatto dal team di Consult Hyperion, società di consulenza internazionale nel campo dei pagamenti mobile. Nel video pubblicato si vede in azione l’idea che hanno sviluppato: un drone che diventa un sistema di pagamento da remoto con carte di credito.

drone pay

Le startup che vogliono fare volare le carte di credito

Il dispositivo non è nient’altro che un comune drone con attaccate alle estremità le carte di credito. L’utente lo pilota e può condurlo fino al Pos e, sfiorandolo, effettuare il pagamento con un “notevole risparmio di energia, quella necessaria per recarsi fino alla cassa per effettuare il pagamento” scrive con ironia l’autore dell’articolo.

L’esperimento calcola anche il tempo con cui un buon pilota di droni può effettuare l’intera operazione: il protagonista del video riesce a completare il pagamento in meno di 90 secondi.

Ogni rosa ha la sua spina e può succedere, come documentato da un altro video, che l’operazione non vada a buon fine con il drone che sbatte sul terminale, fa un capitombolo e vola a picco sul pavimento.

Folle o meno, l’idea ha già avuto dei precedenti durante un hackaton organizzato da Mondo, una startup fintech.  Tra le idee venute fuori c’è anche un drone porta carta, sorta di sostituto al portafoglio, ma in volo.

Vedi anche: L’ordine di Amazon te lo consegna il drone

Dove finisce la follia

I droni sono un mercato che crescerà da qui al 2020 raggiungendo un valore di 5,59 miliardi di dollari (secondo la ricerca UAV Drones Market). Tra i campi possibili di utilizzo il delivery occuperà una buona fetta del mercato con giganti come Amazon e Google che hanno già investito per creare un servizio di consegna a domicilio per i clienti. Quanto questa tecnologia possa essere usata nei pagamenti? Bisogna attendere che i droni diventino un gadget di massa, oggi solo una nicchia ne è possessore. Certo c’è tanto da fare, a partire dalla sicurezza. Chi farebbe mai decollare la sua carta di credito con il timore che qualcuno possa rubarla “a volo”?

Giancarlo Donadio
@giancarlodonad1

  • applicazioni scherzose a parte, personalmente sono fortemente ostile alla diffusione di massa dei droni,
    sia in territorio urbano ad alta densità (già ora),
    sia in territorio extraurbano (in applicazioni ludiche in montagna…)
    solo le applicazioni agricole potrebbero forse giustificarne l’uso.

    rispetto ad applicazioni e-commerce per la consegna a domicilio (tema a me caro),
    penso che dovremmo optare per soluzioni a vantaggio dell’economia del territorio locale,
    ed il LAVORO degli umani.

    In generale, in Italia non abbiamo sufficiente etica per potere affrontare in questi anni il probelma di una massificazione dronica;
    perchè secondo me i droni sono un problema e non una soluzione (logistica).

    • b777

      Perché sarebbero un problema?

Ti potrebbe interessare anche

L’ordine di Amazon te lo consegna il drone: ecco “Prime Air”. Video

Amazon ha presentato con un video il prototipo del suo drone, Prime Air.

Il successo a scuola dipende dal Dna, dice questa ricerca

I ricercatori del King’s College di Londra hanno verificato che l’effetto congiunto di diverse varianti genetiche può definire il comportamento scolastico dei ragazzi e segnalare così in quali casi intervenire per supportare chi rischia di avere difficoltà

Octopus, il polpo robotico (nato a Pisa) che pulirà i nostri mari e salverà vite umane

All’Istituto di Bio Robotica della Scuola Universitaria Superiore di Sant’Anna di Pisa hanno creato un soft-robot, Octopus, che ci permetterà di ripulire i nostri mari dall’inquinamento. È progettato per imitare i movimenti di un polpo reale, con dei tentacoli davvero speciali.