Equity crowdfunding, la Consob vara il nuovo regolamento

Nascono 2 nuove categorie di investitori, certificati dalla Consob. E le verifiche non le faranno più le banche ma direttamente gli operatori

La Consob ha rispettato i tempi, il nuovo regolamento sull’equity crowdfunding è pronto. A poco più di un mese della conclusione della seconda consultazione sul tema, l’Autorità italiana di vigilanza sui mercati finanziari ha approvato la riforma del regolamento in materia di raccolta di capitali di rischio tramite portali on line.

dollaro-equity-crowd

Leggi anche: Equity crowdfunding, 5 cose da sapere in vista del nuovo regolamento italiano

Cosa cambia

Le novità introdotte, al termine di 2 fasi di consultazione con gli operatori mercato, confermano gli obiettivi iniziali: rendere la disciplina più semplice, puntare a ridurre i costi di raccolta e ad allargare la platea dei soggetti che possono contribuire a finanziare i progetti d’impresa innovativi. La riforma – si legge nella nota Consob – “intende porre i presupposti per lo sviluppo dell’equity crowdfunding come canale di finanziamento dell’innovazione, in alternativa agli strumenti tradizionali di erogazione del credito”.

Gli operatori prenderanno il posto delle banche

Tra le novità principali c’è la conferma della semplificazione della procedura. Le verifiche di appropriatezza dell’investimento rispetto alle conoscenze e all’esperienza dell’investitore potranno d’ora in poi essere effettuate dagli stessi gestori dei portali, purché risultino dotati di requisiti adeguati. Questo significa che i gestori possono subentrare nel ruolo finora svolto dalle banche.

È stata, inoltre, ampliata – come era stato già previsto – la platea dei soggetti legittimati a sottoscrivere una quota dell’offerta in qualità di investitori professionali. Sono state ammesse, infatti, 2 nuove categorie: gli “investitori professionali su richiesta”, così come definiti dalla disciplina europea sulla prestazione dei servizi di investimento (Mifid) e gli “investitori a supporto dell’innovazione“, identificati da Consob sulla base di criteri oggettivi.

Il nuovo Regolamento, così modificato, entrerà in vigore il giorno successivo alla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Mariachiara Furlò
@mariachiarafur

Un Commento a “Equity crowdfunding, la Consob vara il nuovo regolamento”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Equinvest, il primo venture capital italiano basato sul crowdfunding

Raccogliere investimenti online tramite l’equity crowdfunding attraverso un fondo di venture capital: così Equinvest vuole sostenere le startup.

Equity crowdfunding, 5 cose da sapere in vista del nuovo regolamento italiano

La consultazione è terminata e tra un mese arriva il nuovo regolamento della Consob sull’equity crowdfunding. Prima novità: via la regola del 5%. Cosa ne pensano Aiec e Dettori

Tutto sull’equity crowdfunding in Italia in un’infografica

L’infografica con le 11 piattaforme per l’equity crowdfunding in Italia, e il piano del Mise per il suo rilancio.

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione