Una ricerca rivela come paghiamo quello che compriamo online

Nielsen ha “disegnato” un mappamondo particolare, partendo da una domanda: come paga chi acquista con l’eCommerce? Qui tutti i numeri della ricerca

Vuoi vendere online all’estero? «Devi adattarti al sistema di pagamento prevalente, carta di credito, PayPal, bancomat, o contanti alla consegna» consiglia Patrick Dodd, presidente di Nielsen Retailer Vertical. Per aiutare i venditori eCommerce, la multinazionale specializzata in consulenza, ha realizzato una ricerca che analizza come i consumatori in giro per il mondo comprano online.

Money-globe

Il mappamondo dei pagamenti

Cina, India, Sud Est Asia e Pacifico, Nord Europa, Est Europa, Nord America, America del Sud, Medio Oriente, Africa, le aeree oggetto dello studio.

Dalla ricerca viene fuori che in Cina il metodo preferito dai consumatori è PayPal e Alipay (86%). Seguono carta di credito (46%), bancomat (38%). Addebito diretto dal conto corrente (53%). E una buona percentuale (49%) di pagamento in contanti alla consegna.

Situazione capovolta in India dove la maggioranza (83%) fa acquisti online preferendo il pagamento alla consegna. Bancomat (71%) e addebito su conto (61%). In basso PayPal e AliPay (30%) e carta di credito (44%).

In Nord America domina la carta di credito (74%) rispetto ai sistemi di pagamento digitali come PayPal e Alipay (38%), bancomat (25%).

Nel Nord Europa invece Nielsen registra la rivincita di PayPal e Alipay (56%), su carta di credito (44%) e il pagamento in contanti alla consegna (17%). Anche in Italia Paypal e Alipay vincono come nel resto dell’Europa occidentale con il 55%.

(Qui tutti i grafici delle altre aree oggetto dello studio).

online payment practices around the world

Leggi anche:Perché Renzi vuole farci pagare in contanti

Eppure il contante tiene

Oltre all’India sono tanti i Paesi nel mondo dove si acquista online con i contanti: Nigeria, Filippine, Russia, Emirati Arabi, Polonia, Colombia e Thailandia. I motivi sono essenzialmente due: la poca diffusione di carta di credito e bancomat. E la scarsa fiducia nei confronti dei sistemi di pagamento online: «Nessun sistema di pagamento funziona ovunque. I retailer che vogliono espandersi all’estero devono capire i mercati locali e adattarsi di conseguenza. Aumentare il numero delle opzioni di pagamento contribuisce a migliorare le conversioni degli utenti in clienti. Per farlo i retailer devono aumentare la fiducia dei consumatori, informarli sulle misure che prendono per garantire proteggere le loro informazioni e offrire anche una migliore esperienza di acquisto di quella del contante. Con incentivi, per esempio, o sconti per chi preferisce pagare online» spiega Patrick Dodd.

online payment practices around the world 2

Smartphone e food fanno il pieno, ma attenti ai dati

Dalla ricerca viene fuori che il 62% degli intervistati usa il Web per comprare prodotti di telefonia ed elettronica. Mentre il 49% per prodotti alimentari. Il 57%  ha comprato in uno store all’estero una volta negli ultimi sei mesi. Delicata la questione sicurezza: il 60% degli intervistati ha dubbi sulla capacità dello store di preservare i suoi dati e informazioni personali.

Giancarlo Donadio
@giancarlodonad1

Ti potrebbe interessare anche

La primavera nera dell’eCommerce: Cuponation (Rocket Internet) prevede un crollo del 30%

Tengono fashion, travel e beaty, per il resto sarà una primavera magra per l’eCommerce in Italia. E nel 2016, secondo gli scenari, leggeremo molto: +150% sulle vendite online dei libri

8 strategie dei social media manager per chi fa eCommerce

Ecco alcune regole base usate dai social media manager che possono essere utili anche a chi fa eCommerce

9 milioni di italiani lo fanno online. Il regalo di Natale

Triplicati in 4 anni gli italiani che preferiscono affidarsi all’eCommerce per i regali di Natale. Ecco i numeri del report Netcomm e 4 trend per capire perché compriamo sempre più online

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli