Una ricerca rivela come paghiamo quello che compriamo online

Nielsen ha “disegnato” un mappamondo particolare, partendo da una domanda: come paga chi acquista con l’eCommerce? Qui tutti i numeri della ricerca

Vuoi vendere online all’estero? «Devi adattarti al sistema di pagamento prevalente, carta di credito, PayPal, bancomat, o contanti alla consegna» consiglia Patrick Dodd, presidente di Nielsen Retailer Vertical. Per aiutare i venditori eCommerce, la multinazionale specializzata in consulenza, ha realizzato una ricerca che analizza come i consumatori in giro per il mondo comprano online.

Money-globe

Il mappamondo dei pagamenti

Cina, India, Sud Est Asia e Pacifico, Nord Europa, Est Europa, Nord America, America del Sud, Medio Oriente, Africa, le aeree oggetto dello studio.

Dalla ricerca viene fuori che in Cina il metodo preferito dai consumatori è PayPal e Alipay (86%). Seguono carta di credito (46%), bancomat (38%). Addebito diretto dal conto corrente (53%). E una buona percentuale (49%) di pagamento in contanti alla consegna.

Situazione capovolta in India dove la maggioranza (83%) fa acquisti online preferendo il pagamento alla consegna. Bancomat (71%) e addebito su conto (61%). In basso PayPal e AliPay (30%) e carta di credito (44%).

In Nord America domina la carta di credito (74%) rispetto ai sistemi di pagamento digitali come PayPal e Alipay (38%), bancomat (25%).

Nel Nord Europa invece Nielsen registra la rivincita di PayPal e Alipay (56%), su carta di credito (44%) e il pagamento in contanti alla consegna (17%). Anche in Italia Paypal e Alipay vincono come nel resto dell’Europa occidentale con il 55%.

(Qui tutti i grafici delle altre aree oggetto dello studio).

online payment practices around the world

Leggi anche:Perché Renzi vuole farci pagare in contanti

Eppure il contante tiene

Oltre all’India sono tanti i Paesi nel mondo dove si acquista online con i contanti: Nigeria, Filippine, Russia, Emirati Arabi, Polonia, Colombia e Thailandia. I motivi sono essenzialmente due: la poca diffusione di carta di credito e bancomat. E la scarsa fiducia nei confronti dei sistemi di pagamento online: «Nessun sistema di pagamento funziona ovunque. I retailer che vogliono espandersi all’estero devono capire i mercati locali e adattarsi di conseguenza. Aumentare il numero delle opzioni di pagamento contribuisce a migliorare le conversioni degli utenti in clienti. Per farlo i retailer devono aumentare la fiducia dei consumatori, informarli sulle misure che prendono per garantire proteggere le loro informazioni e offrire anche una migliore esperienza di acquisto di quella del contante. Con incentivi, per esempio, o sconti per chi preferisce pagare online» spiega Patrick Dodd.

online payment practices around the world 2

Smartphone e food fanno il pieno, ma attenti ai dati

Dalla ricerca viene fuori che il 62% degli intervistati usa il Web per comprare prodotti di telefonia ed elettronica. Mentre il 49% per prodotti alimentari. Il 57%  ha comprato in uno store all’estero una volta negli ultimi sei mesi. Delicata la questione sicurezza: il 60% degli intervistati ha dubbi sulla capacità dello store di preservare i suoi dati e informazioni personali.

Giancarlo Donadio
@giancarlodonad1

Ti potrebbe interessare anche

La primavera nera dell’eCommerce: Cuponation (Rocket Internet) prevede un crollo del 30%

Tengono fashion, travel e beaty, per il resto sarà una primavera magra per l’eCommerce in Italia. E nel 2016, secondo gli scenari, leggeremo molto: +150% sulle vendite online dei libri

8 strategie dei social media manager per chi fa eCommerce

Ecco alcune regole base usate dai social media manager che possono essere utili anche a chi fa eCommerce

9 milioni di italiani lo fanno online. Il regalo di Natale

Triplicati in 4 anni gli italiani che preferiscono affidarsi all’eCommerce per i regali di Natale. Ecco i numeri del report Netcomm e 4 trend per capire perché compriamo sempre più online

Viaggio a Dubai, la città dove il futuro è già realtà

Dopo uno sviluppo urbano straordinario grazie alla ricchezza derivata dal petrolio, la città degli Emirati vuole cambiare ancora con la tecnologia e l’innovazione. E arriva addirittura a sfidare la natura con il progetto di costruire una montagna artificiale