Uber in crisi di identità: ora accetta anche pagamenti in contanti

Uber molla i pagamenti elettronici (per ora solo in India e nei paesi emergenti) perché sono pochissime le carte di credito in giro. Ma gli autisti non potranno fare i furbetti coi contanti

Uber cambia faccia e fa un passo indietro. Permetterà i pagamenti in contanti nei Paesi emergenti. La multinazionale di Travis Kalanick, che ha rivoluzionato il mondo dei trasporti, rinuncia così a una delle caratteristiche che l’ha resa famosa ovunque: finora era possibile usare il servizio solo se in possesso di una carta di credito.

uber-contanti-copertina

Leggi anche: Uber presta i soldi per comprare l’auto nuova

In India Uber ci prova col contante

In molti Paesi emergenti la percentuale di persone che posseggono carte di credito è sotto il 10%. Una realtà dalla quale neanche un gigante come Uber può scappare: «Devi essere empatico con la realtà. Puoi piegarla, ma non spezzarla. Accetteremo pagamenti in cash in India perché vogliamo mettere sempre le esigenze del consumatore al centro. L’unica linea che non è negoziabile» sono le parole di Kalanick in un recente viaggio in India, riportate da TechCrunch. I primi esperimenti sono partiti a Hyderabad, città indiana con quasi 8 milioni di abitanti, e sono estesi a 10 Paesi in tre continenti (Singapore, Kenya, Peru, America Latina…)

Come Uber controllerà gli autisti furbetti

Il modello di business che Uber ha tenuto finora è stato alla base dei suoi successi e rapida espansione nel mondo. L’utente effettua il tragitto, e i soldi della corsa sono prelevati direttamente dalla sua carta di credito. Non deve preoccuparsi se l’autista non ha resto, evita di riempiersi le tasche di monete e soprattutto non ha bisogno di rispondere al dilemma se offrire o meno una mancia. Accettando in contatti dice addio a questo mondo di convenienza, per l’autista, il cliente e Uber stesso. Come funziona allora? I soldi, che vengono dati al passeggero all’autista, vengono scalati direttamente sul conto corrente di quest’ultimo. Una strategia che permette ai driver di non avere mai debiti con Uber e all’azienda di non dover chiedere loro di restituire soldi.

uber cash payment

Ola e gli altri competitor di Uber

Il subcontinente è un banco di prova fondamentale per l’azienda di Kalanick dopo le disavventure legali in Europa (con il blocco di Uber Pop in Italia e in Francia, ndr). Ma  non è un terreno vergine visto che la competizione è altissima. Quattro i competitor che hanno mire in India, come su tutto il sud est asiatico: Didi Kuaidi in Cina, Ola in India, Grab Taxi nel sud est,  e l’americana Lyft. Tutte startup che recentemente hanno firmato un accordo di partnership: i clienti di ognuna delle startup di trasporto potranno usare le app dei competitor quando si troveranno in viaggio nei Paesi coperti da uno dei servizi. Una vera e propria “League of Uber Rivals” che hanno tutte in comune l’investitore: SoftyBank, venture che è di fatto il principale competitor di Uber nel mondo.

Per fare un confronto, Uber serve 11 città in India, mentre Ola, che recentemente ha chiuso un round di i 400 milioni di dollari, è presente in più di 100 città. Mentre Grab ha più di 200mila autisti e 11 milioni di download nei suoi sei mercati del sud est asiatico.

Se il cash funziona in India

Se riuscirà a vincere le tanti sfide in India  – pagamenti in cash e competitor, non sono le sole, qualche mese fa un autista di Uber è stato accusato di aver stuprato una passeggera a Delhi – Uber potrà prepararsi a espandersi e a tirare un sospiro di sollievo dopo le difficoltà sul fronte europeo. Scelta inevitabile per farlo quella di tradire il suo modello: «Quella del cash è una sfida per noi che ne apre tante altre. È un esperimento fondamentale con cui  potremmo espanderci in altri mercati e avrà altre implicazioni sul nostro modo di fare business» spiega Mike Brown, regional manager di Uber nel Sud est asiatico.

Giancarlo Donadio
@giancarlodonad1

  • Ciao Giancarlo!
    grazie dell’articolo.
    Solo il preambolo del titolo non mi torna: Non penso che Uber sia in crisi di identità. Anzi! questi si muovono furbi.

    Mi occupo un pochino di ecommerce di prossimità, e penspo che questo sia un terreno inesplorato in Italia.
    I servizi e o i prodotti in cui acquirente e venditore (o fornitore di servizio) si possono incontrare fisicamente, permettono la forma di pagamento più ovvia ed usuale che è la moneta contante.

    In Italia c’è un gran movimento #cashless CONTRO il contante.
    Non voglio entrare in una diatriba politica, su mio microblog twitter c’è il mio pensiero, basta fare rice3rca con hashtag da me coniato: #nocashless

    Ho progettato un sistema di pagamento basato sul tracciamento del pagamento del contante: http://www.pagosaldo.com
    Azienda interessata ad implementare questo sistema può contattarmi.
    Mi piacerebbe che il sistema fosse no-profit od in progetto open.business.

    Tornando ad Uber ed all’India, io penso che nella attuale crisi economica Italiana, di continuo fallimento della piccolissima impresa (penso proprio ad i negozi, al micro-retail, ai servizi della quotidianità ed all’artigianato), un sistema di pagamento basato sul contante sarebbe una via “democratica” alla ripresa.

    In Uber, che sappiamo stanno estendendo il business dai taxi ad altre cose tra cui la consegna a domicilio di cibo e beni fisici qualsiasi, hanno capito che per essere pervasivi devono utilizzare il contante e l’idea di utilizzo (anche) del cash per gli utenti finali ed il prelievo bancario per i merchant a me sembra MOLTO buona.

    Sono sempre disponibile a confrontarmi con i miei nemici ( 🙂 ) sostenitori del #cashless

    Con una battuta:

    Quello che vale per l’India (o per la Cina),
    Ormai vale anche per l’Italia

    respect
    giorgio

Ti potrebbe interessare anche

Farsi l’auto nuova e diventare autista Uber in un colpo solo. Gli spin-off che nessuno conosce

Dietro Uber c’è un’intera filiera quasi sconosciuta che, dal noleggio auto alla vendita, alle assicurazioni si sta facendo ecosistema. Ora dall’Australia arrivano anche i prestiti p2p per l’acquisto dell’auto, e aprono scenari completamente inesplorati

Come pagare Uber in Bitcoin (e perché è importante per l’India)

Grazie a un exchange americano le corse di Uber si possono pagare con la criptovaluta

Così Verizon dopo l’acquisizione di Yahoo! (4,8 miliardi) costruirà un colosso dei media

Dopo l’acquisizione di Aol, Verizon completa una strategia da 10 miliardi per la trasformazione in media company digitale. Si ritrova, a buon prezzo, una fetta importante di fatturato pubblicitario e utenti online

Modobag, la valigia che diventa una piccola moto

Si chiama Modobag ed un trolley, dotato di motore e batteria, che vi farà faticare di meno in aeroporto. È dotato anche di due prese USB e, per i suoi creatori, potrà essere imbarcato anche come bagaglio a mano.

Terna: «Con Next Energy cerchiamo la tensione innovativa dei giovani»

Il gestore della Rete Elettrica Nazionale spiega perché è alla ricerca di talenti che sappiano portare nuove idee e una nuova mentalità nell’azienda. Con Cariplo Factory e PoliHub, ha dato vita a Next Energy, bando aperto fino al 31 luglio