A 25 anni lascia il posto in Goldman Sachs per una startup

Il p2p lending colpisce ancora (Notizia in meno di 280 caratteri)

Hugo Davies, 25 anni e una laurea Loughborough University, era analista in Goldman Sachs dal 2012. Si è licenziato per un posto in LendInvest, startup fintech di p2p lending londinese.

Con oltre 500 milioni di sterline di prestiti erogati, a giugno 2015 LendInvest ha ricevuto investimenti in equity per 22 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

P2p lending, i prestiti tra persone senza banche dietro. Chi li usa

Le piattaforme di prestiti online tra privati sono cresciute del 100% nell’ultimo anno, facendo girare 11 miliardi di dollari. In Italia i numeri non sono ancora esaltanti ma il trend è sicuramente in crescita

Round da 4,5 milioni per Smartika. Agli inglesi piace il fintech italiano

La piattaforma di p2p lending italiana Smartika ha chiuso un round B con un venture di Londra. Con l’aumento di capitale entra nella governance Gustavo Perrotta

Il banchiere amico delle startup anticipa che succede alle banche italiane (e si mette in aspettativa)

Le startup stanno rosicchiando soldi e mercato alle banche, che sembrano diventate supermercati finanziari. Ma entro 5 anni cambierà tutto

La nuova era del credito: così il digitale sta stravolgendo le banche

Tra costi, pressioni normative e l’ingresso di nuovi attori nel settore il ruolo delle banche tradizionali e generaliste è a rischio.

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era