A 25 anni lascia il posto in Goldman Sachs per una startup

Il p2p lending colpisce ancora (Notizia in meno di 280 caratteri)

Hugo Davies, 25 anni e una laurea Loughborough University, era analista in Goldman Sachs dal 2012. Si è licenziato per un posto in LendInvest, startup fintech di p2p lending londinese.

Con oltre 500 milioni di sterline di prestiti erogati, a giugno 2015 LendInvest ha ricevuto investimenti in equity per 22 milioni.

Ti potrebbe interessare anche

P2p lending, i prestiti tra persone senza banche dietro. Chi li usa

Le piattaforme di prestiti online tra privati sono cresciute del 100% nell’ultimo anno, facendo girare 11 miliardi di dollari. In Italia i numeri non sono ancora esaltanti ma il trend è sicuramente in crescita

Round da 4,5 milioni per Smartika. Agli inglesi piace il fintech italiano

La piattaforma di p2p lending italiana Smartika ha chiuso un round B con un venture di Londra. Con l’aumento di capitale entra nella governance Gustavo Perrotta

Il banchiere amico delle startup anticipa che succede alle banche italiane (e si mette in aspettativa)

Le startup stanno rosicchiando soldi e mercato alle banche, che sembrano diventate supermercati finanziari. Ma entro 5 anni cambierà tutto

La nuova era del credito: così il digitale sta stravolgendo le banche

Tra costi, pressioni normative e l’ingresso di nuovi attori nel settore il ruolo delle banche tradizionali e generaliste è a rischio.

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»