Round da 8 milioni per Instapartners, la startup che “compra” le fatture non pagate

A investire su Instapartners ci sono Benetton, Merloni e Pellicioli, che con questo round puntano sui fidi online alle imprese

Instapartners, la piattaforma di p2p lending che eroga prestiti p2p alle Pmi a “copertura” dei crediti commerciali nei confronti di fornitori e clienti, ha comunicato di aver chiuso un round di investimento di 8 milioni di euro.

Il team di Instapartners

Il team di Instapartners

Leggi anche: P2p lenging, i prestiti tra persone senza banche dietro

Al round di investimento hanno partecipato il founder Ignazio Rocco di Torrepadula (ex partner di Boston Consulting) e nomi importanti dell’imprenditoria e della finanza: Alessandro e Mauro Benetton, il chairman di Boston Consulting Hans Paul Burkner, Lorenzo Pelliccioli, la famiglia Venesio (proprietaria di Banca del Piemonte), il partner di Anthilia Sgr Giovanni Landi e Tikehau Capital. La società è ora in attesa di ricevere da Banca d’Italia le autorizzazioni necessarie per operare.

Così Instapartners “compra” le fatture non pagate

Con questi 8 milioni la startup fintech intende investire sullo sviluppo di nuove soluzioni di credito più veloci e flessibili di quelle presenti attualmente sul mercato. I finanziamenti saranno infatti erogati a fronte dell’acquisto di fatture commerciali per poi essere cartolarizzati. I titoli risultati dall’operazione verranno poi venduti a investitori istituzionali, sotto forma di investimenti con durata di circa 3 mesi e con un rapporto fra rendimento e rischio superiore alle possibilità oggi offerte dal mercato creditizio.

Ti potrebbe interessare anche

P2p lending, i prestiti tra persone senza banche dietro. Chi li usa

Le piattaforme di prestiti online tra privati sono cresciute del 100% nell’ultimo anno, facendo girare 11 miliardi di dollari. In Italia i numeri non sono ancora esaltanti ma il trend è sicuramente in crescita

Peer to peer lending, ovvero come i soldi delle startup Fintech salveranno le Pmi

I problemi di accesso al credito bancario di cui soffrono le piccole e medie imprese saranno risolti sempre più spesso grazie al “peer to peer lending” e agli altri servizi offerti dal mondo che unisce la finanza alla tecnologia.

L’almanacco di fine anno del fintech italiano (e gli scenari per il 2016). Speciale SmartMoney

Abbiamo riassunto in un solo post tutti i fatti più importanti di quest’anno. Con una sorpresa. Speciale a cura di Giancarlo Donadio, Mariachiara Furlò, Aldo Pecora, Emanuela Perinetti.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti