Round da 8 milioni per Instapartners, la startup che “compra” le fatture non pagate

A investire su Instapartners ci sono Benetton, Merloni e Pellicioli, che con questo round puntano sui fidi online alle imprese

Instapartners, la piattaforma di p2p lending che eroga prestiti p2p alle Pmi a “copertura” dei crediti commerciali nei confronti di fornitori e clienti, ha comunicato di aver chiuso un round di investimento di 8 milioni di euro.

Il team di Instapartners

Il team di Instapartners

Leggi anche: P2p lenging, i prestiti tra persone senza banche dietro

Al round di investimento hanno partecipato il founder Ignazio Rocco di Torrepadula (ex partner di Boston Consulting) e nomi importanti dell’imprenditoria e della finanza: Alessandro e Mauro Benetton, il chairman di Boston Consulting Hans Paul Burkner, Lorenzo Pelliccioli, la famiglia Venesio (proprietaria di Banca del Piemonte), il partner di Anthilia Sgr Giovanni Landi e Tikehau Capital. La società è ora in attesa di ricevere da Banca d’Italia le autorizzazioni necessarie per operare.

Così Instapartners “compra” le fatture non pagate

Con questi 8 milioni la startup fintech intende investire sullo sviluppo di nuove soluzioni di credito più veloci e flessibili di quelle presenti attualmente sul mercato. I finanziamenti saranno infatti erogati a fronte dell’acquisto di fatture commerciali per poi essere cartolarizzati. I titoli risultati dall’operazione verranno poi venduti a investitori istituzionali, sotto forma di investimenti con durata di circa 3 mesi e con un rapporto fra rendimento e rischio superiore alle possibilità oggi offerte dal mercato creditizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

P2p lending, i prestiti tra persone senza banche dietro. Chi li usa

Le piattaforme di prestiti online tra privati sono cresciute del 100% nell’ultimo anno, facendo girare 11 miliardi di dollari. In Italia i numeri non sono ancora esaltanti ma il trend è sicuramente in crescita

Peer to peer lending, ovvero come i soldi delle startup Fintech salveranno le Pmi

I problemi di accesso al credito bancario di cui soffrono le piccole e medie imprese saranno risolti sempre più spesso grazie al “peer to peer lending” e agli altri servizi offerti dal mondo che unisce la finanza alla tecnologia.

L’almanacco di fine anno del fintech italiano (e gli scenari per il 2016). Speciale SmartMoney

Abbiamo riassunto in un solo post tutti i fatti più importanti di quest’anno. Con una sorpresa. Speciale a cura di Giancarlo Donadio, Mariachiara Furlò, Aldo Pecora, Emanuela Perinetti.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup