L’Ue vuole tracciare i pagamenti con Bitcoin e carte ricaricabili

In nome della lotta al finanziamento del terrorismo la Commissione europea intende aprire un giro di vite sulle transazioni elettroniche, a partire da quelle in Bitcoin

Se le transazioni di Bitcoin e delle valute virtuali non saranno più anonime allora si può contribuire a rintracciare meglio chi finanzia i gruppi terroristici. E’ quello che pensa la Commissione europea, che ha elaborato un “piano d’azione” per rafforzare la lotta contro il finanziamento del terrorismo, secondo il quale i criminali sono propensi a cercare nuovi modi (meno rischiosi, soprattutto) di muovere i soldi.

Europol-Report-Says-Bitcoin-is-Common-Currency-for-Cybercriminals.-newsbtc-bitcoin-news

Carte ricaricabili e registro Ue dei conti correnti

La Commissione europea e l’Europol sono sempre più attive nelle indagini sul finanziamento del terrorismo e l’uso di valute digitali, come Bitcoin e deep web. Priorità del piano d’azione Ue sono le carte prepagate, per le quali la Commissione propone di abbassare la soglia necessaria a identificare gli utenti. E poi si pensa alla creazione di un registro dei conti correnti di tutti i cittadini dell’Unione.

Approfondisci: La mappa delle leggi sui Bitcoin

Applicare ai Bitcoin la direttiva antiriciclaggio

Nel rapporto dell’Ue non ci sono prove che le criptovalute siano utilizzate dai terroristi, ma secondo la Commissione c’è quanto basta per aprire un giro di vite sulle criptovalute. Il piano prevede, infatti, di estendere la direttiva europea sull’antiriciclaggio anche alle piattaforme virtuali di cambio valuta, il che comporterebbe per le aziende l’obbligo di tenere traccia dei dati finanziari sensibili per ciascuno dei loro clienti.

Privacy

Il problema resta sempre quello: i limiti tra sicurezza nazionale e privacy dei singoli cittadini. Per salvaguardarla il sito Bitcoin.org consiglia di non usare mai lo stesso indirizzo «è necessario utilizzare un nuovo indirizzo Bitcoin ogni volta che si riceve un nuovo pagamento», scrivono. Inoltre, «è possibile utilizzare più wallet. In questo modo potrete isolare ciascuna delle vostre transazioni in modo che non sarà possibile associarle tutte insieme».

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Un Commento a “L’Ue vuole tracciare i pagamenti con Bitcoin e carte ricaricabili”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Tra 6 mesi arriva l’halving, e dimezzerà le ricompense dei tuoi Bitcoin

E’ tutto deciso dall’algoritmo che li genera: a luglio rallenterà, come 3 anni fa. Ma la diffusione dei Bitcoin è destinata a crescere. Ecco perché il valore potrebbe anche salire

Mappa delle prime leggi sul Bitcoin, con riserva

Ecco gli Stati che hanno già legiferato, quelli che lo faranno quest’anno e chi crede che di norme proprio non ce ne sia bisogno

Altro che morti, i bitcoin hanno sedotto anche Netflix. Anche se ufficialmente non lo dicono

Lo streaming lo usano soprattutto i giovani, che però non pagano coi metodi “analogici”. Per questo Netflix alla fine punterebbe davvero sulla criptomoneta

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola