All’Uk piace cashless. Raddoppiati in 2 anni i provider di monete elettroniche

Sono 79 le imprese fintech ufficialmente registrate in Gran Bretagna. E chi vuole rottamare il cashless è messo «al microscopio» da un’autority ad hoc

In Uk il numero di fornitori di moneta elettronica è più che raddoppiato negli ultimi 2 anni. Secondo le analisi di Bovill, società di consulenza e servizi finanziari britannica, nell’ultimo anno c’è stato un aumento significativo del numero di fornitori di moneta elettronica iscritti alla FCA, l’autorità che controlla a regola il potere e la commercializzazione dei prodotti finanziari nel Regno Unito. 79, per la precisione, contro le 38 del 2013.

london-rush

Leggi anche: La mia startup poteva diventare un unicorno solo in Uk

A qualcuno piace cashless

Secondo Gillian Roche-Saunders, responsabile del settore Venture Finance di Bovill, «questo è un settore innovativo in rapida evoluzione e ci aspettiamo che il numero di imprese autorizzate continui a crescere molto rapidamente».

«I consumatori e le aziende del Regno Unito sono sempre più a loro agio con l’idea di un’economia cashless, in cui i soldi possono anche non essere mai toccati o visti. E infatti usano carte prepagate, contactless e sistemi di mobile payments, che garantiscono facilità d’uso, efficienza e una maggiore sicurezza», ha aggiunto Roche-Summers.

Leggi anche: L’UK investe sul fintech più di tutta l’Europa messa assieme

“Il Fintech al microscopio”

Secondo le Electronic Money Regulations del 2011, tutti i fornitori di moneta elettronica devono essere registrati e autorizzati dalla FCA e devono soddisfare una serie di criteri rigorosi, tra cui la protezione dei dati dei consumatori e la separazione di denaro del cliente da fondi della società.

«Lo sfondo normativo è complesso e fornitori di moneta elettronica è necessario per garantire che i sistemi, i processi e controlli sono propensi a garantire un elevato livello di protezione dei consumatori. La FCA non ha paura di mettere queste imprese al microscopio», ha concluso il manager britannnico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Ecco perché la mia startup poteva diventare un unicorno miliardario solo in Uk

Abbiamo intervistato Dan Wagner, founder e Ceo della startup dei pagamenti Powa Technologies, che ci spiega perché Londra è diventata davvero la capitale del fintech

L’UK investe sul fintech più di tutta l’Europa messa assieme (e 5 motivi per fare startup lì)

Meno tasse, un governo sponsor e la finanza al centro di tutto. Ecco perché 1 unicorno fintech su 6 sta in UK. E forse qualche ragionamento dovremmo iniziare a farlo

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione