Microsoft aggiunge i pagamenti in bitcoin

Rivoluzione in casa Microsoft: attraverso la piattaforma BitPay è possibile caricare bitcoin sul proprio conto e utilizzarli per comprare app, musica e giochi.

Schermata 2014-12-11 alle 10.33.30

Notizia importante sia per Bitcoin sia per Microsoft. Il gruppo di Redmond ha introdotto la possibilità di caricare la criptovaluta sul conto con cui si acquistano i suoi contenuti digitali e mobili. La novità coinvolge per ora solo l’utenza statunitense e permette di pagare in bitcoin le applicazioni per Windows Phone o giochi e musica di Xbox.

Non si tratta di transazioni dirette in bitcoin ma dell’integrazione della piattaforma di accettazione BitPay, come  precisato da Coindesk, prima a notare la novità che non è stata ancora annunciata ufficialmente. Chi sceglie di pagare con la criptomoneta, si legge nella pagina Microsoft dedicata, non avrà diritto a eventuali rimborsi. Informazioni più precise arriveranno nelle prossime ore, in occasione del lancio formale.

Schermata 2014-12-11 alle 10.34.35

Per Microsoft non si tratta della prima apertura a Bitcoin: il motore di ricerca Bing ha inserito la criptovaluta all’interno del suo convertitore in febbraio (ne avevamo parlato qui) bruciando sul tempo Google, che si è mossa analogamente in luglio. Una buona e importante notizia, dicevamo, sia per la moneta digitale sia per Redmond: l’azienda fondata da Bill Gates è protagonista di una serie di inedite aperture sotto la gestione del Ceo Satya Nadella. La possibilità di utilizzare il braccialetto Band anche con gli altri sistemi operativi è un esempio, l’integrazione con Bitcoin forse quello più eclatante.

(foto via CoinDesk)

Leggi anche l’approfondimento sulla situazione normativa legata a Bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato